Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Da Regione 1,3 milioni di euro per bonifica area Vynils di Porto Torres

CAGLIARI - Con 1,3 milioni di euro
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

porto torres

CAGLIARI – Con 1,3 milioni di euro procede l’iter delle bonifiche per la messa in sicurezza dell’area Vynils, collocata nel sito d’Interesse nazionale di Porto Torres. La giunta regionale, su proposta dell’assessore della Difesa dell’Ambiente Donatella Spano, ha dato oggi il via libera all’utilizzo dei fondi ministeriali. “Si tratta di risorse fondamentali per risolvere le criticità del territorio: puntiamo a chiudere definitivamente la problematica ambientale di quelle aree- spiega Spano-. Il fallimento di Vynils ha lasciato una situazione disastrosa. I terreni e la falda presentano l’inquinamento pregresso e sostanze pesantemente cancerogene e gli impianti, in una situazione di non gestione che impedisce lo smaltimento dei rifiuti, possono peggiorare la situazione per lo sversamento dei cosiddetti fanghi in caso di pioggia”.

La situazione degli impianti privi di gestione è stata tenuta sinora sotto controllo grazie alla sinergia tra Regione, curatela, Arpas, Provincia di Sassari, Comune di Porto Torres e Consorzio industriale provinciale di Sassari (Cips). Quest’ultimo è stato individuato quale soggetto esecutore degli interventi di bonifica, mentre l’amministrazione comunale rappresenta il soggetto attuatore.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»