Roma, Pelonzi (Pd): “Raggi? Colpa di Renzi. Sì a primarie per sindaco, ma senza M5S”

Intervista ad Giulio Pelonzi, consigliere comunale del Partito Democratico
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print
In diretta con Giulio Pelonzi

? IN DIRETTA con Giulio Pelonzi, capogruppo del Gruppo Partito Democratico Assemblea Capitolina.

Geplaatst door Agenzia di stampa DIRE op Dinsdag 15 oktober 2019
ROMA – “Le primarie restano uno strumento utile per costruire una coalizione. Primarie di coalizione con al suo interno anche un nome dei 5 stelle? Ad oggi è fantascienza. Ci dobbiamo occupare di casa nostra e di rimettere in fila la sinistra a Roma”. Così il capogruppo del Pd in Campidoglio, Giulio Pelonzi, in occasione di un’intervista in diretta rilasciata all’agenzia stampa Dire. “Il nodo del nostro candidato sindaco- continua Pelonzi- entro qualche mese andrà sciolto. Ma prima serve un inizio formale di dialogo tra i rappresentanti di un nuovo campo largo. Si parla di un’alleanza Pd-M5s al ballottaggio, di desistenza. Ma prima è nostro dovere mettere in campo un’alleanza larga e scrivere insieme un programma. Su questo poi identificare i migliori interpreti. Fare nomi prima fa male alla costruzione di questo campo: se partiamo con nomi del Pd o di altri rischiamo di non far mai nascere quel tavolo. Non è detto che il nome debba per forza essere del Pd, anche se io faccio tifo per il Pd. Ma non va escluso nulla”. “Quando Matteo Renzi attacca il Pd e Nicola Zingaretti rispetto al dialogo con i 5 stelle- continua ancora Pelonzi- vorrei ricordargli che noi abbiamo Raggi a causa sua. Lo dico senza cattiveria, come detto speriamo di essere alleati con Italia Viva, ma le cose vanno dette”. “Vogliamo costruire un campo largo alternativo alla Raggi e a Salvini, allargando il campo anche a quei movimenti e partiti del campo progressista, e alle energie e ai fermenti che animano la nostra società. Italia Viva? Auspico di trovarli dalla nostra parte. Mi sorprenderebbe- conclude Pelonzi- un loro spostamento in un campo di forze differenti da quelle del centrosinistra perché questo vorrebbe dire tradire i loro valori visto che ieri si sono battuti insieme a noi”.
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

15 Ottobre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»