Sport, la società di pallavolo ritira la citazione in tribunale contro la giocatrice incinta

lara lugli
Il club Volley Pordenone rinuncia alla richiesta di danni e ottempera a ogni obbligo nei confronti di Lara Lugli
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La società Volley Pordenone ha ritirato la citazione e ottemperato a ogni obbligo nei confronti di Lara Lugli. Lo fa sapere “con grande soddisfazione” Assist, l’Associazione nazionale atlete, che commenta spiegando che l’ex pallavolista citata in passato dalla società dopo essere rimasta incinta, “vince la sua battaglia” e martedì dunque non sarà in Tribunale a difendersi. Si tratta di “una grande vittoria per tutti – le parole proprio di Lugli – ed era molto importante che questa causa non entrasse nemmeno in un Tribunale a dimostrazione della sua infondatezza. È un forte segnale per tutte le donne, non solo atlete, che si trovano a dover affrontare queste situazioni assurde. Voglio ringraziare tutti quelli che sono stati al mio fianco, in particolare il mio legale Bonifacio Giudiceandrea, il mio agente Stefano Franchini, Assist Associazione Nazionale Atlete e Aip, perché il loro sostegno è stato per me fondamentale”.

LEGGI ANCHE: Sport, Lara Lugli: “Non mi aspettavo questo clamore, indignato anche il NYT”

PRESIDENTE ASSIST: “SAREBBE STATA UNA MACCHIA INDELEBILE PER LO SPORT ITALIANO”

Secondo la presidente di Assist, Luisa Rizzitelli, “non poteva esserci altro epilogo e si è giustamente evitata una macchia indelebile per lo sport italiano e un vero oltraggio alle donne tutte. Siamo fiere di essere state accanto a Lara Lugli, donna coraggiosa che speriamo voglia continuare con noi a battersi per i diritti delle donne nello sport. Questa vittoria va condivisa con tutti gli atleti e le atlete, le associazioni, le parlamentari e i parlamentari e i cittadini e le cittadine che si sono uniti a noi in un’enorme protesta”. Assist spiega ancora: “Ci abbiamo messo due mesi che sono stati difficili ma, come ha detto ieri Antonella Bellutti nel suo discorso al Consiglio Nazionale Elettivo del Coni, non era tollerabile che nello ‘Sport dei valori’ la maternità non trovasse posto e rispetto. Adesso confido che la Federvolley faccia da buon esempio per tutte le altre Federazioni e che il Coni assuma la posizione di spinta e controllo, per la tutela dei diritti delle atlete. Bisogna cambiare passo su questo e bisogna farlo adesso. Noi – conclude Rizzitelli – siamo a disposizione con la convinzione che non ci siano strade che non si possano percorrere insieme”.

UFFICIO ANTIDISCRIMINAZIONI: “MOLTO SODDISFATTI, COMBATTERE OGNI VIOLENZA”

“Siamo molto soddisfatti per come si è chiusa la vicenda di Lara Lugli, ex pallavolista della società di Pordenone che l’aveva citata per danni per essere rimasta incinta durante la stagione e dopo che lei aveva chiesto il pagamento di una mensilità dovuta”. Lo dichiara Triantafillos loukarelis, direttore dell’Ufficio nazionale antidiscriminazioni (Unar) della Presidenza del Consiglio dei Ministri. “Una vicenda triste e se vogliamo dirla tutta – ha proseguito il dirigente – una vera e propria volenza contro i diritti delle donne. Per questo ringrazio il presidente della Federvolley Giuseppe Manfredi con cui mi sono confrontato proprio ieri sulla vicenda, il cui intervento è stato risolutivo. Con la Federvolley, il Coni che ha avuto la riconferma del presidente Malagò a cui voglio rivolgere i migliori auguri di buon lavoro e le altre Associazioni, che fanno parte del nostro Osservatorio Nazionale contro le Discriminazioni nello Sport abbiamo iniziato un percorso per contrastare ogni discriminazione e combattere ogni forma di violenza all’interno del mondo sportivo e la vicenda di Lara Lugli è un segnale forte per tutti e speriamo sia da stimolo per aprire il dibattito sulla questione dei diritti delle donne atlete.”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»