Sport, Lara Lugli: “Non mi aspettavo questo clamore, indignato anche il NYT”

lara lugli
La pallavolista citata per danni dalla sua società dopo essere rimasta incinta: "Mi hanno scritto tante giocatrici alle quali è successa la stessa cosa"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Il clamore che ho suscitato? Questa situazione non mi piace, non mi ci trovo bene ma mi ha fatto piacere tutto il supporto che ho ricevuto, mi sono stati tutti molto vicini e li ringrazio tutti. Non è facile, tanti mi hanno detto che sono stata coraggiosa. La cosa ha preso una piega che non mi aspettavo, siamo riusciti a far indignare il New York Times: noi non possiamo farlo perché da atlete eravamo a conoscenza dei compromessi accettati finora ma adesso abbiamo il dovere e il potere di fare qualcosa”. Così Lara Lugli, la pallavolista citata per danni dalla sua società dopo essere rimasta incinta.

“Sono consapevole che ci sono società serissime, ma basta un caso ma in questi giorni mi hanno scritto tante giocatrici alle quali è successa la stessa cosa: per far valere i tuoi diritti devi essere un leone, altrimenti vieni calpestato”, ha detto Lugli, invitata alla presentazione streaming della Final Four di Coppa Italia femminile di A1.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»