Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Lazio, ogni giorno 3.000 pazienti in attesa di un posto letto nei pronto soccorso/VIDEO

La Simeu, Società italiana medicina d'emergenza urgenza, ha una proposta per gestire il sovraffollamento
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Ogni giorno sono oltre 3.000 i pazienti che attendono nei Pronto soccorso un posto letto (oltre un milione l’anno), attesa che può durare anche per diversi giorni e nella maggior parte dei casi su barelle. È quanto emerso dal convegno ‘Il sovraffollamento dei servizi nell’emergenza’ organizzato dalla Società italiana medicina d’emergenza urgenza (Simeu) nella sede dell’Ordine dei Medici in Roma, in occasione dell’apertura della Settimana nazionale del Pronto soccorso, che si tiene da oggi al 21 maggio in tutte le principali città. La manifestazione è organizzata in collaborazione con il Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva.

“La Simeu ha elaborato una proposta per affrontare la situazione di sovraffollamento– ha detto la presidente nazionale Simeu, Maria Pia Ruggeri- su cui è necessario un impegno comune delle istituzioni e delle aziende ospedaliere, contenuto nel ‘Policy statement sul sovraffollamento dei Pronto soccorso’. Si tratta di un fenomeno che non riguarda solo il periodo invernale e per risolverlo è necessario cambiare l’organizzazione sanitaria dell’ospedale e del territorio e imparare tutti a usare correttamente il 118 e il Pronto soccorso“.

Nel Lazio si registra un’inversione di tendenza rispetto agli anni passati, anche se la nostra regione produce il 20% di tutti i pazienti in attesa di ricovero. “È cambiato l’approccio della Regione- ha detto il consigliere dell’Omceo Roma, Massimo Magnanti-. Il Lazio ha fatto una grande operazione di trasparenza e adesso ogni minuto sappiamo qual è la situazione di affollamento dei Pronto soccorso. È tutto online. Inoltre è in piedi un tavolo sull’emergenza a cui partecipano tutti i professionisti del settore che sta dando i suoi risultati. È importante però continuare su questa strada”.

LAVRA: SOVRAFFOLLAMENTO PRONTO SOCCORSI NON DEGNO PAESE CIVILE

“La situazione di sovraffollamento dei Pronto soccorso dei nostri ospedali è diventata insostenibile perché stiamo offrendo ai cittadini un servizio non degno di un Paese civile“. Lo afferma il presidente dell’Ordine dei Medici di Roma, Giuseppe Lavra, a margine del convegno promosso dalla Simeu per la Settimana nazionale del Pronto soccorso. Secondo Lavra il problema del sovraffollamento dei Pronto soccorso “è legato al fatto che abbiamo ridotto troppo i posti letto utili in due modi: con un’eccessiva riduzione programmatica e con un’eccessiva riduzione sostanziale, perché i posti letto fruibili sono il 15 per cento in meno di quelli sulla carta. Questo è un fatto che determina scarsa ricettività degli ospedali e favorisce lo stazionamento”. “C’è poi un altro problema- ha concluso Lavra- che riguarda i cittadini meno abbienti che non possono pagarsi le prestazioni e sono costretti a bussare all’unico ambiente possibile dove ottenerle. Vengono quindi accodati in liste d’attesa che diventano ancora più lunghe”.

LAVRA: PIANO REGIONE SU LISTE ATTESA POCO INCISIVO

“Da un primo esame mi sembra che ci siano delle azioni di buon senso, ma non ho trovato elementi incisivi operativi concreti, tali da incidere realmente sui problemi a monte di questa situazione. Mi riservo di approfondire ancora”, dice Lavra a proposito del piano elaborato della Regione Lazio per l’abbattimento delle liste d’attesa.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»