Congo, gli ingegneri di Proger: “Energia e acqua per i villaggi”

https://www.youtube.com/watch?v=Zd1nVmA30Ak&feature=youtu.be ROMA - Pannelli solari per produrre energia, pompe per estrarre acqua dalle falde sotterranee, scommettendo poi sull'agricoltura, con il goccia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Pannelli solari per produrre energia, pompe per estrarre acqua dalle falde sotterranee, scommettendo poi sull’agricoltura, con il goccia e goccia e sistemi di irrigazione all’avanguardia. È lo schema di ‘Aware’, iniziativa che l’italiana Proger sta promuovendo nella Repubblica del Congo. Dell’intervento, al via in queste settimane, riferisce all’agenzia ‘Dire’ l’amministratore delegato Marco Lombardi.
“Abbiamo iniziato a individuare villaggi nell’area di Pointe-Noire” sottolinea il manager: “Calcoliamo che con un investimento di mezzo milione di euro e’ possibile dare dignita’ e lavoro a mille persone”.

La speranza e’ cominciare a realizzare le opere quest’anno per essere poi a regime nel 2020, con la produzione e i corsi di formazione per l’impiego e la manutenzione degli impianti.

“Useremo l’energia del sole attraverso pannelli fotovoltaici, che a loro volta alimenteranno pompe idrauliche in grado di pescare a dieci o 15 metri di profondita’” dice Lombardi. Convinto che in prospettiva l’obiettivo sia ribaltare il “paradosso” per il quale Paesi esportatori di idrocarburi come il Congo siano costretti a dipendere dall’estero per il loro fabbisogno interno. “L’Agenzia internazionale dell’energia stima che oggi un miliardo e cento milioni di persone non hanno accesso all’elettricita’” sottolinea l’amministratore delegato: “Di queste ben 650 milioni vivono in Africa”.

Una situazione sulla quale interrogarsi anche alla luce della grande disponibilita’ di rinnovabili a sud del Sahara, a partire dal solare. Secondo Lombardi, l’altro tema e’ l’acqua, “che gia’ oggi comincia a scarseggiare e che sara’ il petrolio del futuro”.
Secondo la Banca mondiale, nonostante tuttora milioni di africani non abbiano accesso a fonti di acqua pulita, entro il 2030 il continente potrebbe fornire il 10 per cento della produzione agroalimentare globale.

Una prospettiva sulla quale Proger, con i suoi 60 anni di esperienza, in oltre 15 Paesi del mondo, sta lavorando in piu’ contesti dell’area subsahariana. La societa’ e’ classificata dagli specialisti di ‘Engeneering News-Record’ tra le prime cento di ingegneria a livello internazionale. ‘Aware’, il nome del nuovo progetto, sta per ‘Adaptable Water Access & Renewable Energy’. “Siamo ingegneri non tradizionali” sottolinea Lombardi: “Con l’Eni e le ‘oil companies’ siamo anche in Mozambico o in Angola, senza dimenticarci dei villaggi, provando anzi a portare idee e dare piccole risposte”.

:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»