A Imola ci sono troppi conigli, il Comune li cattura

Il Comune pensa di catturarli e spostarli in un luogo idoneo, anche per prevenire "comportamenti contrari al benessere degli animali"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Nella zona industriale di Imola ci sono troppi conigli in libertà, oltre 30. E per scongiurare “problematiche di tipo sanitario e di possibile pericolo per la circolazione stradale”, visto anche che il loro numero è destinato ad aumentare, il Comune ha emesso un’ordinanza che prevede “il censimento, seguito poi dalla cattura e dal trasferimento, dei conigli e delle tane presenti in area pubblica, nella zona industriale e in particolare dietro il centro sociale ‘La Stalla‘, fra via I Maggio e via Serraglio”. La segnalazione al Comune della presenza di questa colonia di conigli è stata fatta dalla Polizia provinciale, e nel provvedimento dell’amministrazione si sottolinea che “la problematica interessa una zona densamente abitata e deve essere affrontata anche per prevenire comportamenti contrari al benessere degli animali“, di cui peraltro “non si conosce con assoluta certezza la provenienza”.

Da qui la decisione di censire, catturare, e poi trasferire i conigli “in luogo idoneo“, dopo aver “effettuato il controllo sanitario, compilando la relativa certificazione”. Gli animali, specifica l’amministrazione, saranno portati all’Azienda faunistico-venatoria ‘Cà Domenicali’, nel Comune di Casalfiumanese, e “l’eventuale decesso di conigli, o la comparsa di sintomatologia anomala, deve essere tempestivamente comunicata al Servizio di igiene veterinaria dell’Ausl”. L’ordinanza stabilisce, infine, di portare avanti per tutto il 2017 “un monitoraggio periodico della zona in questione, in modo da evitare il ripopolamento”, e vieta a chiunque di “alimentare i conigli fino a quando l’ordinanza stessa rimane in vigore”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»