Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Siria, Giro: “Inaccettabile bombardamento di un ennesimo ospedale di Medici senza frontiere”

"A 4 mesi dal bombardamento in Afghanistan
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

profughi siria

“A 4 mesi dal bombardamento in Afghanistan che colpì l’ospedale di Medecins Sans Frontieres a Kunduz causando molte vittime, a pochi giorni dal bombardamento dell’ospedale MsF in Yemen, ora giungono notizie gravi del bombardamento di un ennesimo ospedale MsF in Siria. Si tratta di una situazione inaccettabile”, dichiara il viceministro per la cooperazione internazionale Mario Giro.

“Come si vede, come si sa, gli autori dei bombardamenti sono diversi ma il terribile risultato è sempre lo stesso: uccisione di operatori umanitari e pazienti delle strutture sanitarie colpite. Basta con questi attacchi indiscriminati contro strutture che dovrebbero essere protette e restare fuori dai combattimenti. Non basta giustificare tali vicende con le guerre in atto: da parte dei paesi coinvolti ci vuole un di più, direi un massimo di attenzione perché tali fatti drammatici non avvengano più. L’Italia chiede che il diritto internazionale umanitario sia rispettato in ogni caso“, conclude Giro, a margine dell’incontro all’ università stranieri di Perugia dove Irina Bokova, attuale direttore generale dell’Unesco, riceve la laurea honoris causa.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»