Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Appalti truccati per lo stadio, a Latina ex sindaco ed ex assessore in manette

Le indagini sono partite dalla tribuna ospiti dello stadio Franciosi: le ordinanze di custodia cautelare, scattate oggi, sono 15 persone e sono tutte in carcere
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

di_giorgi_di_rubbo_latina

ROMA – Giovanni Di Giorgi, Giuseppe Di Rubbo, Vincenzo Malvaso, Silvano Spagnoli, Ventura Monti, Nicola Deodato, Massimo Riccardo e Luca Baldini: sono questi i nomi degli arrestati “illustri” di questa mattina nell’ambito delle indagini condotte dal pm Giuseppe Miliano. Le ordinanze, firmate dal Gip Mara Mattioli, sono tutte di custodia cautelare in carcere. Le indagini sono partite dai fatti legati ai lavori per la tribuna ospiti dello Stadio Francioni, ancora sotto sequestro, e avrebbero scoperchiato molto altro in tema di urbanistica ed appalti.

Insieme all’ex sindaco Di Giorgi, all’ex assessore Di Rubbo, all’ex consigliere comunale Malvaso e all’ex consigliere provinciale Spagnoli, ci sono anche il dirigente del settore urbanistica del Comune di Latina, Rino Monti, il funzionario del Comune Nicola Deodato, il costruttore Massimo Riccardo e l’architetto Luca Baldini. Ci sono anche altre persone coinvolte in questa mega indagine: le misure cautelari sono 15 in tutto per gli altri 7 sono stati chiesti gli arresti domiciliari. Altre 15 persone sono indagate a vario titolo.

Articolo tratto da LatinaQuotidiano.it

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»