Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Global Student Prize, tra i 10 finalisti l’italiano Mirko Cazzato

Global Student Prize Mirko Cazzato
Il 20enne co-fondatore della startup sociale Mabasta
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Mirko Cazzato, 20enne co-fondatore della startup sociale Mabasta, è tra i 10 finalisti per il Global Student Prize 2021 di Chegg.org. Il giovane leccese è stato selezionato tra oltre 3.500 adesioni e candidature provenienti da 94 paesi in tutto il mondo. Alla sua prima edizione, Global Student Prize, gemello del premio Global Teacher Prize, vuole valorizzare l’impegno di studenti che hanno avuto un impatto reale sulla scuola, sulla vita dei compagni e, più in generale, sulla società. Il premio, che sarà consegnato al vincitore il prossimo 10 novembre durante una cerimonia virtuale che si svolgerà presso la sede dell’UNESCO a Parigi, ammonta a 100.000 dollari.

“Mentre tanti non fanno altro che discutere di come migliorare la scuola, questi studenti si impegnano ad agire. Congratulazioni a tutti i finalisti del Global Student Prize. Sono davvero gli innovatori di cui il mondo ha bisogno” commenta Dan Rosensweig, CEO e Presidente di Chegg. Ed infatti Cazzato si è dato molto da fare negli ultimi anni. Al primo anno di liceo, insieme ad alcuni amici, Mirko ha capito che il problema del bullismo andava affrontato, per contrastarne gli effetti. È in questo contesto che Mirko ha lanciato il Movimento Anti Bullismo Animato da Studenti Adolescenti (MABASTA). Con la partecipazione dei più giovani nell’affrontare il problema e trovare soluzioni da mettere in pratica ogni giorno, MABASTA ha dato vita ad un modello – il Modello Mabasta – che nei fatti è un protocollo innovativo e originale di sei semplici azioni che ogni classe può adottare per aiutare a prevenire il bullismo e il cyberbullismo. Punto di forza del modello è il processo di bottom-up: il cambiamento si muove dal basso verso l’alto, responsabilizzando gli studenti e fornendo loro i vantaggi di un aiuto esperto.

Ad oggi, sono oltre 120 le classi in Italia ad aver testato positivamente il modello, e altre 250 lo applicheranno in questo nuovo anno scolastico. Alla fine del 2020 Mabasta ha raggiunto anche la Francia grazie a una insegnante di italiano che ha adottato il modello in una scuola media francese. Insieme a Chegg.org, ha collaborato al premio anche la Varkey Foundation. Il fondatore, Sunny Varkey, ha commentato così i successi di Mirko: “complimenti a Mirko per essere arrivato tra i 10 finalisti. La sua storia evidenzia chiaramente l’importanza dell’istruzione nell’affrontare le grandi sfide che ci attendono, dal cambiamento climatico alla crescente disuguaglianza e alle pandemie globali. È solo dando la priorità alla formazione che possiamo salvaguardare il nostro domani. L’istruzione è la chiave per affrontare il futuro con fiducia”.

Gli altri 10 finalisti del Global Student Prize 2021 sono Amisa Rashid dal Kenya, Elliott Lancaster dal Regno Unito, Jeremiah Thoronka dalla Sierra Leone, Kehkashan Basu dal Canada, Lamya Butt dagli Emirati Arabi Uniti, Matine Khalighi dagli Stati Uniti, Ana Julia Monteiro de Carvalho dal Brasile, Oluwadamilola Akintewe dalla Nigeria e Seema Kumari dall’India.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»