Forestale, Sindacati: “Il 98% del personale è contrario alla militarizzazione”

Le ipotesi che sarebbero contenute nella legge Madia, che denunciano congiuntamente i sindacati Sapaf, Ugl-Cfs, Fns-Cisl, Cgil-Fp, Uil-Pa e Dirfor, sono quelle di una soppressione e di uno smembramento del Cfs e di un successivo accorpamento di ciò che resta all'Arma dei Carabinieri
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

forestaleROMA – I sindacati del Corpo Forestale dello Stato sono uniti nel dire ‘no’ all’accorpamento con i Carabinieri previsto dalla riforma della Pa. Lo ribadiscono oggi, durante una conferenza stampa a Roma, da cui emerge come il 98% del personale, secondo un sondaggio interno a cui hanno risposto circa 4mila delle 7mila persone che compongono il Cfs, sia contrario ai provvedimenti di riordino di polizia ambientale e agroalimentare ipotizzati nella legge di riforma della Pubblica amministrazione (124/2015).

Le ipotesi che sarebbero contenute nella legge Madia, che denunciano congiuntamente i sindacati Sapaf, Ugl-Cfs, Fns-Cisl, Cgil-Fp, Uil-Pa e Dirfor, sono quelle di una soppressione e di uno smembramento del Cfs e di un successivo accorpamento di ciò che resta all’Arma dei Carabinieri. Il rischio, secondo i sindacati, è quello di un indebolimento delle attività di contrasto alla criminalità ambientale e agroalimentare.

forestale sindacati

Inoltre, la militarizzazione porterebbe a un cambio di stato giuridico del personale, senza che le rappresentanze del Corpo Forestale abbiano potuto prima avere un confronto con le istituzioni. “Aspettiamo di essere ricevuti dal Governo per potergli sottoporre le nostre posizioni e le nostre soluzioni”, rilancia il portavoce del cartello sindacale, segretario nazionale del Sapaf, Gianluca Vitale. I sindacati fanno sapere poi che non si fermeranno, “fino ad arrivare ad un ricorso alla Corte di Giustizia europea per la tutela dei diritti sindacali” se dovessero concretizzarsi questi provvedimenti.

di Camilla Pischiutta – giornalista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»