Da “ciaone” a “fake news”: ecco il nuovo Devoto Oli

ROMA - A 50 anni dalla prima edizione il Devoto Oli
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – A 50 anni dalla prima edizione il Devoto Oli si rinnova indossando una nuova veste, quella online, e mostrando grande attenzione per i neologismi tipici della società contemporanea. Ecco allora che vocaboli come “webete” e “fake news” entrano di diritto fra le 1500 nuove parole inserite nel vocabolario. Tra queste anche “ciaone”, “brexit”, “home restaurant” e “schiscetta”.

Devoto Oli, nuovi vocaboli attenti alla contemporaneità del linguaggio

In totale, l’opera, concepita da Giacomo Devoto e Gian Carlo Oli a cui si sono aggiunti gli autori Luca Serianni e Maurizio Trifone, conterrà oltre 70.000 voci e 250.000 definizioni nelle versione cartacea e 110.000 voci e altre 300.000 definizioni in quella digitale. Tutti vocaboli, che evidenziano particolare attenzione alla contemporaneità del linguaggio

Il vocabolario ha anche una versione digitale scaricabile su smartphone e tablet IOS e Android.

 

 

 

 

 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»