Nigeria, perde la vista ma diventa meccanico: “Sono il più bravo”

Enugu Ezike ripara moto e ha un sogno: far studiare i sette figli
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Emeka Abugu ha perso la vista quando era bambino, ma grazie a tanta buona volonta’ e’ riuscito a diventare un meccanico e a prendere le redini dell’officina di famiglia. L’uomo vive a Enugu Ezike, localita’ della Nigeria sud-occidentale e la sua storia e’ stata raccontata dalla testata locale Pulse.

Abugu e’ diventato completamente cieco a causa di un morbillo non curato, contratto quando era bambino. Una volta consultati i medici e confermata la cecita’ permanente, non si e’ arreso e non ha perso la voglia di imparare: “Mio padre aveva una piccola officina per riparare le biciclette, cosi’ ho iniziato a stare vicino a lui mentre lavorava e con pazienza ho imparato a fare delle cose” ha raccontato l’uomo, che oggi ha 37 anni, una moglie e sette figli, tra cui due coppie di gemelli.

Dopo dieci anni, “quando da mio padre avevo imparato a padroneggiare certe tecniche, ho deciso di passare alle moto” ha detto ancora il meccanico. Che ora nella sua comunita’ si ritiene “il migliore, il piu’ affidabile” dal momento che in molti portano da lui le proprie moto per riparare una gomma, aggiustare il carburatore o sostituire della parti. “Conosco tutti i componenti e il posto che occupano, cosi’ quando mi portano una moto capisco subito che cos’e’ che non va” ha detto invece all’emittente Bbc. “Non ho apprendisti.

Preferiscono andare in altre officine ma quando non riescono ad aggiustare qualcosa, la portano da me”. Gli affari vanno bene e Abugu riesce a mantenere la sua numerosa famiglia. Il meccanico nigeriano pero’ ha un sogno: garantire una buona istruzione ai suoi figli, per questo ha lanciato un appello: “Vorrei che il governo o i privati mi aiutassero. Vorrei acquistare pezzi di ricambio e altri prodotti per le motociclette, in modo da aumentare i guadagni e assicurare una buona educazione ai miei bambini”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

14 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»