Renzi spinge sulle unioni civili: “Legge in Aula e tempi certi”

Non ci sara' una posizione preordinata dell'esecutivo sulla questione delle adozioni del figlio del partner da parte delle unioni civili
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Le unioni civili dividono la discussione da tantissimi anni. La notizia di ieri e’ che nella discussione che abbiamo fatto e che avra’ effetti sulla posizione dei capigruppo, la posizione del Pd e’ di iniziare a discutere di questa legge in aula. Intanto iniziamo a discuterne, dandoci dei tempi per la conclusione in Senato”. Cosi’ il presidente del consiglio Matteo Renzi, intervistato a Rtl 102.5. “Il primo passo e’ l’incardinamento e io spero che ci si possa arrivare gia’ nelle prossime ore”.

“L’importante e’ che sia una discussione senza furore ideologico. Credo che, nonostante le differenze, ci sono spazi per arrivare a una sintesi”.

matteo renzi

RENZI: SU ADOZIONI LIBERTA’ DI COSCIENZA – “Io sono che si vada in aula prima della sessione di bilancio. Poi sulla stepchild adoption credo che ci sara’ una grande discussione in Senato perche’ sia nel Pd che negli altri partiti ci sono posizioni diverse“. Cosi’ Matteo Renzi a Rtl 102.5 sulle unioni civili. “Che la legge si debba fare e non si possa rimandare lo pensano tutti, sulle stepchild adoption non puoi dire ‘o cosi’ o pomi”. Non ci sara’ una posizione del governo su una questione che riguarda la liberta’ di coscienza”, aggiunge.

“Il governo non dira’ ‘o cosi’ o pomi” sulle stepchild adoption”. Cita un noto slogan della pubblicita’ anni ’80 il presidente del consiglio Matteo Renzi per dire che non ci sara’ una posizione preordinata dell’esecutivo sulla questione delle adozioni del figlio del partner da parte delle unioni civili.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»