Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

A Roma i cittadini del Quadraro bloccano il traffico: “Basta rifiuti in strada”

protesta quadraro rifiuti
Gli automobilisti applaudono i manifestanti, che spiegano: "Il nostro quartiere è abbandonato, più di altri"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Se Ama non pulisce il Quadraro disobbedisce”, “Il Quadraro non è una discarica”. Tra gli applausi degli automobilisti, con questi striscioni, circa 50 persone hanno attraversato poco fa la via Tuscolana all’altezza di via dei Quintili, a Roma, per protestare contro i cumuli di rifiuti che da giorni stazionano attorno a cassonetti causando miasmi e problemi alla cittadinanza. Il flashmob di protesta, che ha bloccato il traffico per alcuni istanti, è stato organizzato dal ‘Comitato spontaneo Quadraro vecchio’ al termine di una serie di incontri tra le varie associazioni del territorio.

Siamo molto preoccupati dai roghi di rifiuti che si stanno moltiplicando. Non vogliamo le montagne di spazzatura e non vogliamo respirare diossina. I nostri bambini, gli anziani, i diversamente abili del quartiere non riescono più a camminare sui marciapiedi”, racconta Maurizio Mattana, cittadino di zona, che spiega: “Il nostro quartiere è abbandonato, più di altri. Lo sappiamo, giriamo per la città”. La protesta, durata alcuni minuti si è poi conclusa senza conseguenze.

Al momento, a quanto si apprende, i cittadini, circa un centinaio, si sono radunati in assemblea per decidere i prossimi passi.
“Nei prossimi giorni andremo sotto la sede del V Municipio. Il presidente Giovanni Boccuzzi ci deve spiegare il perché di questa situazione e se le lui non potrà risponderci siamo disposti ad accompagnarlo dall’assessora Ziantoni e dalla sindaca Virginia Raggi. Questa situazione deve finire”, ha concluso.

LEGGI ANCHE: Rifiuti, Erion: “Appello al governo, ecco 64 proposte per migliorare la raccolta dei Raee”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»