Addio all’attrice Kelly Preston, morta la moglie di John Travolta

Era malata di cancro al seno. Il toccante ricordo della figlia Ella
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Addio a Kelly Preston. Nel cast di ‘Mischief’, ‘I gemelli’, ‘Jerry Maguire’, ‘Jack Frost’ e ‘Gotti – Il primo padrino’, l’attrice e moglie di John Travolta è morta all’età di 57 anni dopo una lunga battaglia durata due anni contro il cancro al seno. A dare la triste notizia il suo compagno di vita, da quasi trent’anni.

IL MESSAGGIO DI JOHN TRAVOLTA

“È con la morte nel cuore che vi informo che la mia bellissima moglie Kelly ha perso la sua battaglia di due anni contro il cancro al seno. Ha combattuto una coraggiosa lotta con l’amore e il sostegno di così tante persone”, ha scritto in un post l’interprete di Vincent Vega in ‘Pulp Fiction’.

“Io e la mia famiglia saremo per sempre grati ai suoi dottori e infermieri che l’hanno aiutata, così come i suoi molti amici e persone care che sono state al suo fianco. L’amore e la vita di Kelly saranno ricordati per sempre. Mi prenderò un po’ di tempo per essere lì per i miei figli, che hanno perso la madre- ha continuato Travolta- , quindi perdonatemi in anticipo se non ci sentiremo per un po’. Con tutto il mio affetto, JT”.

IL RICORDO DELLA FIGLIA

Dolore condiviso anche dalla loro figlia Ella, che ha pubblicato un lungo post su Instagram: “Non ho mai incontrato nessuno coraggioso, forte, bello e amorevole come te. Chiunque abbia la fortuna di conoscerti o di essere mai stato in tua presenza, concorderà sul fatto che hai un bagliore e una luce che non smette mai di brillare e che rende immediatamente felice chiunque ti circonda. Grazie per essermi stata sempre vicina. Grazie per il tuo amore. Grazie per il tuo aiuto e grazie per aver reso questo mondo un posto migliore. Hai reso la vita così bella e so che continuerai a farlo sempre. Ti voglio tanto bene mamma”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

13 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»