Di Maio: “Non faremo una manovra correttiva, flat tax per il ceto medio e no all’aumento dell’Iva”

Il leader M5s Di Maio: "Faremo in modo che l'abbassamento delle tasse sia reale, non che aumenti l'IVA per pagare la flat tax"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Il governo non intende fare manovre correttive“. Lo ribadisce il vicepremier Luigi Di Maio a Radio anch’io, sottolineando che l’obiettivo dell’esecutivo è “abbassare le tasse per ridurre il debito pubblico e favorire la crescita”.

La flat tax, aggiunge Di Maio, deve favorire “il ceto medio” per cui serve “un tetto di reddito fino a 60-70mila euro. Dobbiamo impedire che sia iniqua – sottolinea- e faremo in modo che l’abbassamento delle tasse sia reale, non che aumenti l’IVA per pagare la flat tax”.

“Ho partecipato ieri- prosegue Di Maio- al vertice di maggioranza e non ho visto il ministro Tria dire che la flat tax non si può fare. Siamo all’inizio di un percorso in vista della legge di bilancio”, e sul tema delle coperture “ci sarà una discussione fino a dicembre”.

Sulla vicenda Whirlpool, “L’incontro di ieri non posso dire sia stato pienamente soddisfacente ma abbiamo fatto un passettino in avanti, perché la Whirlpool prima diceva di voler chiudere Napoli ora dice che non vuole più disimpegnarsi da Napoli”. All’indomani del tavolo con la multinazionale, il ministro dello sviluppo economico e del Lavoro rivendica che su questo cambiamento “ha influito anche la decisione di revocare gli aiuti“.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

13 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»