Maltempo, i metereologi: “Non c’è tregua, ancora piogge e freddo”

Non è finita: ancora per diversi giorni le condizioni del tempo saranno instabili su molte regioni italiane
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Dopo il maltempo, ancora maltempo. “La bassa pressione che si è formata sul Mediterraneo interesserà la Penisola ancora per qualche giorno rinnovando condizioni di moderata instabilità su diverse regioni italiane”. E’ l’avviso lanciato dai meteorologi di 3bmeteo.com che aggiungono: “Le temperature si manterranno sotto le medie tipiche del periodo“.

LEGGI ANCHE: In Emilia-Romagna fiumi a rischio piena, chiuso un ponte. Sindaco Ravenna: “State ai piani alti”

E se dunque oggi le piogge interessano buona parte del centro-sud e sono insistenti soprattutto tra Marche ed Emilia Romagna, “nessuna tregua è prevista per i prossimi giorni“. Tra martedì e mercoledì è attesa una nuvolosità irregolare un po’ su tutta la Penisola con fenomeni anche sotto forma di acquazzone o temporale, più frequenti al centrosud e in parte anche sul nordest. Fiocchi di neve sono attesi in Appennino mediamente dai 1.200-1.400 metri.

LEGGI ANCHE: Dal 4 aprile 40 giorni di pioggia: ecco cosa dice la saggezza popolare (e che tempo farà)

Sul resto del Paese tempo nel complesso variabile con qualche fenomeno su nordovest, Prealpi e Alpi occidentali con fiocchi di neve sui 1.200-1.500 metri. Le temperature si manterranno sotto le medie del periodo, in modo particolare sul versante adriatico dove i valori massimi non dovrebbero superare i 13-14 gradi. Nella seconda parte della settimana ci sarà un relativo miglioramento; le temperature aumenteranno così di qualche grado. “Si tratterà comunque di una tregua; venerdì sera arriverà una nuova perturbazione a conferma di un mese di maggio piuttosto dinamico”, concludono da 3bmeteo.com

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

13 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»