VIDEO | Carrozza: “Sono felice di essere la prima donna a guidare il Cnr”

"Il Cnr è una risorsa incredibile per questo paese e confido nelle ricercatrici e nei ricercatori"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Sono particolarmente orgogliosa e onorata di essere stata nominata presidente del Cnr. Sono anche felice di essere la prima donna a ricoprire questo ruolo così prestigioso e impegnativo. Una cosa che mi fa particolarmente piacere è essere stata nominata dalla ministra Messa, prima di tutto perché la stimo, e perché è una donna che nomina un’altra donna. Un bell’evento e un simbolo di empowerment femminile e di quello che le ragazze possono ottenere nella loro carriera”. La neo presidente del Consiglio nazionale delle Ricerche (Cnr), Maria Chiara Carrozza, commenta così in un video la sua nomina, annunciata ieri dalla ministra dell’Università e della Ricerca Maria Cristina Messa.

“Il Cnr è una risorsa incredibile per questo paese e confido nelle ricercatrici e nei ricercatori, che mi sapranno aiutare. Vorrò ascoltarli per capire quali strategie elaborare per il futuro di questo ente e di tutta Italia, pensando anche di uscire da questa crisi- ha aggiunto Carrozza nel video- Se c’è una cosa che abbiamo imparato in questa pandemia è che la scienza, ad esempio i vaccini, sono la salvezza. Auguro un buon lavoro a tutti e spero di essere un primus inter pares in mezzo alle ricercatrici e ai ricercatori italiani”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»