Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Sarà sfida Roma-Parigi, la Capitale francese si è candidata alle Olimpiadi 2024

La Capitale Francese Parigi si è candidata ufficialmente alle
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

olimpiadiLa Capitale Francese Parigi si è candidata ufficialmente alle Olimpiadi del 2024. Sarà dunque tra Roma e Parigi la sfida più affascinante per l’assegnazione dei Giochi, anche se in lizza ci sono pure Boston e Amburgo.

“Ho sempre sostenuto che Parigi prima o poi si sarebbe candidata. Nella mia testa e in quella di chi si sta occupando della candidatura olimpica di Roma ai Giochi del 2024 è sempre stata una rivale prevista- ha commentato il presidente del Coni, Giovanni Malagò- Massimo rispetto per la città, come è giusto che sia, come per Boston e Amburgo”.

Con la discesa in campo di Parigi dunque, che questa mattina ha ufficializzato la propria candidatura alle Olimpiadi del 2024 attraverso il voto favorevole del Consiglio municipale, le probabilità di Roma di ottenere i Giochi “sono al 25%”, se consideriamo che sono in corsa al momento quattro città: “Cento diviso quattro fa venticinque”, spiega infatti Malagò.

Intanto proprio oggi il sindaco di Roma, Ignazio Marino, ha nominato ufficialmente Eric Truno, assessore del Comune di Barcellona dal 1979 al 1998, fautore dell’organizzazione dei Giochi nel capoluogo catalano nel 1992 e delle Olimpiadi invernali di Torino nel 2006, consulente strategico per la candidatura di Roma alle Olimpiadi del 2024.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»