Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Ue, Calenda: “Se danno del burattino al premier del mio paese io mi incazzo”

ROMA -"A me che qualcuno dia del burattino in una sede istituzionale internazionale al Presidente del Consiglio del mio paese
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA -“A me che qualcuno dia del burattino in una sede istituzionale internazionale al Presidente del Consiglio del mio paese mi fa notevolmente incazzare. Comunque la si pensi”. Lo scrive su twitter Carlo Calenda (Pd).
Per Calenda “Conte è imbarazzante ma quando è li rappresenta i cittadini italiani. Il galateo istituzionale esiste proprio per questo. E Verhofstadt ha dimostrato di non conoscerlo”.

E ancora: “Lo conosco e non discuto le sue buone intenzioni o il suo amore per l’Italia. Ma ha sbagliato. Punto. Poteva dire le stesse cose senza offendere il Presidente del Consiglio di un paese fondatore”.

A me “non dispiace una bella polemica tosta. Ma non accetto attacchi alla dignità del mio paese. Conte o non Conte. Perché l’Italia merita rispetto indipendentemente da chi la rappresenta pro tempore. E noi italiani dobbiamo ricordarcelo”, dice ancora Carlo Calenda su twitter.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»