Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Terremoto e neve, in Abruzzo strage di diecimila animali

Le calamità hanno colpito un territorio a prevalente economia agricola con una significativa presenza di allevamenti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Solo in Abruzzo al danno materiale si somma una vera strage con diecimila animali morti, feriti e abortiti nelle aree del terremoto per l’effetto congiunto delle scosse, della neve e del gelo che hanno fatto crollare le stalle con la perdita di animali tra le macerie e provocato stress da freddo e paura con diffusi casi di aborto”. E’ l’ultimo drammatico bilancio emerso dalla mobilitazione degli agricoltori e degli allevatori colpiti dal terremoto e dal maltempo in Abruzzo che si sono dati appuntamento in Via Madonna delle Grazie in Localita’ Basciano in provincia di Teramo nell’azienda agricola San Vincenzo (Salumieri di Castel Castagna) dove sono morti circa 3mila animali e crollate le stalle.

“Ammontano a 52 milioni di euro i danni subiti dalle aziende agricole e dalle stalle a seguito degli ultimi eventi calamitosi in Abruzzo”, secondo la stima della Coldiretti che fotografa “una situazione drammatica nelle campagne dove ad essere colpita è stata soprattutto l’attività di allevamento che ora rischia concretamente di scomparire insieme alle specialità locali e con loro la storia e il futuro di una regione che ha nell’agroalimentare una forza trainante dell’economia”.

Nel dettaglio – sottolinea la Coldiretti – i settori più colpiti in termini di mancato reddito e danni strutturali sono sicuramente quello dell’allevamento di mucche da latte e della pastorizia, ma anche l’allevamento di maiali destinati ai salumi tipici ha subito perdite pesantissime. Sono stati registrati danni anche al settore olivicolo con una stima presunta dei danni, diretti e indiretti, di circa quindici milioni.

“E’ determinante intervenire sulla semplificazione e sulla velocizzazione delle procedure in una situazione in cui, a piu’ di 5 mesi dalle prime scosse di terremoto, sono state montate e rese operative nelle regioni colpite appena il 15% delle stalle mobili previste”, dice il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo, roicordando che l’ultimo decreto sul terremoto “rende disponibili circa 35 milioni di euro di aiuti diretti per il mancato reddito delle imprese di allevamento da erogare entro febbraio”. Un sostegno per animale allevato per un importo stabilito in 400 euro a capo bovino e 60 euro per ogni pecora posseduta prima del sisma. Ma aiuti sono previsti anche per il settore suinicolo e per quello equino secondo quanto riferimento dal ministro delle Politiche Agricole Maurizio Martina. Il terremoto ha colpito un territorio a prevalente economia agricola con una significativa presenza di allevamenti.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»