Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

VIDEO | Ndrangheta, al via a Lamezia Terme il processo Rinascita Scott

processo rinascita-scott
"La più grande operazione antimafia dopo il maxiprocesso di Palermo", dichiara il presidente della commissione parlamentare Antimafia Nicola Morra
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGGIO CALABRIA – “325 gli imputati, più altri quattro sotto processo con giudizio immediato, per quella che è stata la più grande operazione antimafia dopo il maxiprocesso di Palermo”. Così il presidente della commissione parlamentare Antimafia Nicola Morra (M5s) oggi a Lamezia Terme (Catanzaro) in occasione dell’avvio del maxiprocesso Rinascita Scott contro le cosce di ‘ndrangheta del vibonese e catanzarese.
“Un’operazione condotta dal procuratore Nicola Gratteri – aggiunge Morra – cui va il grazie non solo dei calabresi, ma dell’Italia intera, per il coraggio, la tenacia e la dedizione dimostrati in questi anni. Questo processo potrà fare la storia.
Probabilmente verra’ studiato ancora fra 50 anni nei manuali di criminologia e di storia criminale del territorio. È un processo che si sta iniziando a svolgere in Calabria, contro ogni previsione, perche’ – conclude – inizialmente si pensava si dovesse svolgere altrove, offendendo ulteriormente questo territorio, considerato non in grado di fare pulizia giudiziaria dei Mancuso e degli altri clan e, soprattutto, di coloro che si sono rapportati ai sodalizi in modo episodico ma assai conveniente”.

GRATTERI: “MAFIA SPARA DI MENO MA PIÙ CONTATTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE”

“È un processo importante rispetto agli altri, dal punto di vista personale dobbiamo avere maggiore attenzione e concentrazione dato l’alto numero degli imputati e le dimensioni di questo processo”. Lo dichiara il procuratore capo di Catanzaro Nicola Gratteri a ridosso dell’inizio della prima udienza del maxiprocesso Rinascita Scott che si celebra nell’aula bunker di Lamezia Terme (Catanzaro).
“Questo processo – ha aggiunto – serve a capire, tra le tante cose, lo stato dell’arte, l’evoluzione di una mafia che spara sempre meno e ha sempre più contatti con i quadri della la pubblica amministrazione. Che trova sempre più facile penetrare in ceti sociali che decenni fa erano inimmaginabili”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»