Ndrangheta, il processo Rinascita-Scott si terrà a Lamezia Terme

"Siamo soddisfatti perche' é la soluzione più veloce" ha commentato il procuratore capo di Catanzaro Nicola Gratteri
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

REGGIO CALABRIA – “Siamo soddisfatti perche’ e’ la soluzione piu’ veloce, rispetto alle almeno dieci opzioni che erano sul tavolo”. Cosi’ il procuratore capo di Catanzaro Nicola Gratteri ha commentato la scelta da parte del ministero della Giustizia di far svolgere il processo Rinascita-Scott a Lamezia Terme (Catanzaro) in un edificio messo a disposizione della fondazione Terina all’interno dell’area industriale. Il procedimento penale tra i piu’ vasti come soggetti indagati in Calabria, coinvolge oltre 450 soggetti punta a disarticolare l’asse criminale della ndrangheta operante tra Vibo Valentia e Catanzaro.

IPPOLITO (M5S): “SCELTA RESPONSABILE DEL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA”

È giusto che il maxi processo Rinascita-Scott si tenga a Lamezia Terme in locali della Fondazione Terina, per la sua posizione baricentrica e’ la struttura piu’ che adeguata. Esprimo piena soddisfazione per questa scelta definitiva di buon senso e responsabilita’ da parte del ministero della Giustizia, che consentira’ importanti risparmi, riduzione dei tempi e possibilita’ di rilancio della stessa Fondazione”. Cosi’ il deputato calabrese del Movimento 5 stelle Giuseppe d’Ippolito.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Ndrangheta, 18 arresti per traffico di droga da Brasile e Albania

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

25 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»