Di Maio: “Stimo molto Zingaretti, la riforma della prescrizione non si tocca”

“Ci sono meno vertici e molto più concludenti"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Con Zingaretti e Franceschini il clima e il rapporto è ottimo, devo dire pubblicamente che stimo molto queste persone politicamente e per come portano avanti il lavoro”. Lo dice il ministro degli Esteri e capo politico del M5s, Luigi Di Maio, a ‘L’intervista’ di Maria Latella su Sky Tg24. “Ci sono meno vertici e molto più concludenti e si avvia una strada, io ero uno dei più scettici nell’accordo con il Pd e ho chiesto garanzie importanti come il taglio dei parlamentari”. C’è una “forte collaborazione con persone con cui si può lavorare bene”. Il leader del M5s tende pero’ a precisare che “non sono all’ordine giorno altri patti regionali e un patto nazionale”, con il Pd.

DI MAIO: PD NON HA CHIESTO DI BLOCCARE LA RIFORMA DELLA PRESCRIZIONE

“La nuova prescrizione è legge, entra in vigore dal 1° gennaio 2020, non c’è nulla da discutere. Fermarla è una visione berlusconiana della giustizia e dalle parole di Zingaretti di ieri non mi sembra ci sia la volontà di bloccare la legge sulla prescrizione. Salvini la rinviò per aiutare Berlusconi”. Lo dice il ministro degli Esteri e capo politico del M5s, Luigi Di Maio, a ‘L’intervista’ di Maria Latella su Sky Tg24. Dal Pd “non ci è mai stato chiesto, il dialogo è sulla riforma della giustizia”.

DI MAIO: ENTRO FINE ANNO CARCERE A GRANDI EVASORI

“Non si può perdere altro tempo sulle manette agli evasori” ed “entro fine anno bisogna approvare il carcere ai grandi evasori, è una azione di civiltà”. 

DI MAIO: SERVE ASSEGNO UNICO PER FAMIGLIE CON FIGLI

Nella manovra occorre inserire “l’assegno unico alle famiglie con figli”.

DI MAIO: D’ACCORDO CON FICO, ORGANIZZARE IL MOVIMENTO

E’ “un dibattito che ci accomuna tutti, sono d’accordo con Roberto Fico, serve più gente per organizzare un movimento che è forza di governo ed è il primo gruppo parlamentare. Lo dico da un anno”. Il M5s “si darà un’organizzazione, ci saranno 80-90 persone che gestiranno il Movimento in tutta Italia. Abbiamo bisogno di un’organizzazione, di responsabilizzare le persone”, ha aggiunto Di Maio.

RUSSIAGATE. DI MAIO: COPASIR SURREALE, CONTE TRASPARENTE

“Stiamo assistendo a qualcosa di surreale, il presidente Conte chiede di riferire al Copasir che ancora non ha stabilito la data per audirlo. Conte è persona trasparente e ha sempre agito nell’interesse nazione, avrà modo di smentire le illazioni contro di lui”, spiega il ministro degli Esteri a Sky Tg24. “Abbiamo una delle migliori intelligence al mondo, ci tengo a rinnovare la mia fiducia” ai servizi, ha aggiunto Di Maio.

SIRIA. DI MAIO: UE PARLI CON UNA VOCE, BENE SINTONIA CON FRANCIA

“L’Europa deve parlare con una sola voce e non si deve far ricattare dalla Turchia, è una cosa inaccettabile”, dichiara Di Maio commentando l’operazione militare della Turchia nel nord della Siria. E’ “bene che Italia e Francia siano in grande sintonia” sulla vicenda.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

12 Ottobre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»