Ecco Pipe, la scultura che rende potabile l’acqua dell’Oceano

Potrebbe essere realizzata al largo della costa di Santa Monica e produrrà 4,5 miliardi di litri d’acqua potabile per la città
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

pipe_oceano

ROMA – Un tubo enorme studiato per sfruttare l’energia solare e rendere potabile l’acqua dell’oceano. Si chiama “Pipe” e si tratta di una struttura spettacolare che dovrebbe essere realizzata a largo della costa di Santa Monica, per rendere l’acqua dell’oceano potabile. Un’opera d’arte, capace di attirare migliaia di turisti e di aiutare l’acquedotto della città. E’ quanto riporta In a Bottle sul tema sviluppo sostenibile. Una struttura che ha l’obiettivo non solo di aumentare le disponibilità d’acqua potabile, ma di ricordare alle persone l’importanza dell’acqua per il proprio fabbisogno giornaliero, senza dimenticare il valore di questo “dono vitale”.

Gli ingegneri della Abdolaziz Khalili and Associates sostengono, infatti, che “Pipe non è solo un sistema architettonico e tecnologico, ma anche un luogo di relax per i visitatori. Un modo semplice e diverso di rilassarsi e di osservare una vista panoramica sull’oceano. I pannelli solari forniscono l’energia per pompare l’acqua di mare attraverso un processo di filtrazione elettromagnetica, generando così 4,5 miliardi di litri d’acqua potabile per la città, mediante un processo di desalinizzazione. Questa filtrazione utilizza un campo elettromagnetico isolato nei tubi dell’acqua, separando i sali e le impurità. Il processo è rapido e a basso consumo energetico”.

santa-monica_california_oceanoQuesto processo serve in primis per fornire acqua potabile alla rete di tubazioni primarie della città e in parte per fornire acqua chiara ai bagni termali, un liquido contenente il 12% di sale. Mentre l’acqua potabile viene convogliata a riva, l’acqua salata viene mandata alle terme, prima di essere reindirizzata in mare attraverso un sistema intelligente. La proposta è stata presentata nel 2016 e i vincitori del concorso di questa edizione saranno annunciati ad ottobre. Una competizione internazionale di design che offre l’opportunità ai creativi di riflettere sulla natura delle infrastrutture energetiche, a cosa possono aspirare e come possono esser costruite.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»