Your monthly usage limit has been reached. Please upgrade your Subscription Plan.

Italia
°C

Il leghista Pillon attacca la legge contro l’omofobia: “E’ liberticida”

"Si imporra' a bambini e ragazzi dalla scuola dell'infanzia fino all'universita' l'indottrinamento genderista"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Sono stato in piazza con le migliaia di persone che in tutta Italia hanno detto NO alla legge ZanScalfarottoBoldrini sull’omofobia. Se qualche delinquente aggredisce una persona per il suo orientamento sessuale, gia’ oggi si prende, giustamente, fino a 10 anni di galera, com’e’ successo a Napoli e non servono leggi pericolose e liberticide. Fare propaganda in modo individuale o organizzato contro l’utero in affitto o contro le adozioni gay sara’ reato, punibile con pene da 18 mesi fino a 6 anni di reclusione, come pure opporsi alla ideologia gender nelle scuole, o semplicemente leggere un brano di san Paolo sulla morale cristiana.Tutto questo e’ inaccettabile. Oltretutto con questa legge si vogliono stanziare 4 milioni di euro che finiranno nelle taschr delle organizzazioni LGBT e – con la scusa della giornata nazionale contro omofobia, bifobia e transfobia – si imporra’ a bambini e ragazzi dalla scuola dell’infanzia fino all’universita’ l’indottrinamento genderista. Zan, Scalfarotto, Renzi, Zingaretti e Crimi ascoltino la voce delle piazze e fermino questa pericolosa legge liberticida”. Cosi’ il senatore della Lega Simone Pillon.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»