Uranio, Scanu: “Tutto il Pd firmerà la proposta della commissione, sono sicuro”

ROMA  - Firma Luigi Di Maio, del M5s. Firma anche Roberto Speranza della minoranza Pd. Ma alla proposta
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA  – Firma Luigi Di Maio, del M5s. Firma anche Roberto Speranza della minoranza Pd. Ma alla proposta di legge della commissione uranio impoverito sulla tutela sanitaria delle forze armate, mancano le firme dei big renziani.

“Arriveranno. Sono tutti colleghi che stimo profondamente e sono convinto che arriveranno“, risponde il presidente della commissione Gian Piero Scanu.

“D’altro canto- aggiunge- la legge istitutiva della commissione e’ stata votata all’unanimita’. Non ci puo’ essere discrasia tra l’istituzione della commissione e poi il lavoro che la commissione fa”.

Scanu aggiunge: “Piu’ o meno spontaneamente, forse spontaneamente, ma le strade della pedagogia sono infinite e noi cercheremo di percorrerle tutte”.

SCANU: CHIEDEREMO CHIUSURA POLIGONI CAPO TEULADA E CAPO FRASCA

Una relazione della commissione uranio impoverito che sara’ approvata “entro dicembre si occupera’ di tutti i poligoni e verosimilmente si chiedera’ la riconversione del poligono di Quirra, e la chiusura di altri due poligoni, quello di Capo Teulada e di Capo Frasca”. Lo dice il presidente della commissione uranio impoverito Gian Piero Scanu, a margine della presentazione della proposta di legge sulla tutela assicurativa e sanitaria dei militari.


Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»