Aeroporto di Reggio Calabria, 25 milioni per ristrutturazione e messa in sicurezza

aeroporto-bologna
Firmata oggi la convenzione che regolamenta il finanziamento statale destinato alla realizzazione degli interventi dell'aeroporto dello Stretto Tito Minniti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGGIO CALABRIA – Sacal (societa’ aeroporti calabresi), ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e Enac hanno firmato oggi la convenzione che regolamenta il finanziamento statale di 25 milioni di euro destinato alla realizzazione degli interventi di ristrutturazione e messa in sicurezza dell’aeroporto dello Stretto Tito Minniti di Reggio Calabria.

Sono previsti nove interventi, definiti e concordati fra le parti, tutti ritenuti indispensabili per il miglioramento dell’aerostazione e che consentiranno di adeguare lo scalo ai requisiti del regolamento europeo. Sacal svolgera’ il ruolo di stazione appaltante ed avviera’, per step, tutte le procedure necessarie, a iniziare dalle progettazioni definitive degli interventi, gia’ preliminarmente definite dai propri uffici tecnici. Inoltre, sono in corso da tempo interlocuzioni con il dipartimento Infrastrutture, lavori pubblici e mobilita’ della Regione Calabria, relativamente ai progetti di sviluppo dell’aerostazione di Lamezia Terme (Catanzaro).

LEGGI ANCHE: Trasporti, Falcomatà: “L’offerta dei treni va aumentata e integrata con l’intermodalità”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»