Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

La Regione Marche chiarisce: le mostre-mercato si possono fare

mercato-usato2
Il vicepresidente Mirco Carloni spiega: "Viste le numerose richieste abbiamo proceduto ad analizzare le disposizioni nazionali e regionali specifiche, giungendo a una valutazione positiva"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ANCONA – Le mostre-mercato si possono svolgere in zona gialla, in quanto assimilabili ai mercati tradizionali che, in base al Dpcm del 2 marzo 2021, possono esercitare la loro attività. Lo chiarisce la Regione Marche che ha inviato un “contributo interpretativo” della normativa ai Comuni, alle associazioni di categoria e dei consumatori. “Abbiamo prontamente raccolto le istanze delle amministrazioni ed associazioni di categoria che chiedevano chiarimenti in merito alla possibilità o meno di poter svolgere l’attività delle mostre-mercato- riferisce il vicepresidente Mirco Carloni, assessore al Commercio- e abbiamo proceduto ad analizzare le disposizioni nazionali e regionali specifiche, giungendo a una valutazione positiva”.

Alla luce di quanto emerso, l’interpretazione, a firma del vicepresidente e del dirigente PF Commercio Pietro Talarico, è che il mercato all’aperto e su area pubblica o privata aperta al pubblico (cui è da assimilare la mostra-mercato), è stato sempre considerato una tipologia di attività non vietata in zona gialla, mentre il mercato vietato dalle disposizioni è da ritenersi quello svolto al chiuso. “Per analogiale mostre-mercato non rientrano nel divieto che riguarda le sagre, le fiere di qualunque genere e gli altri analoghi eventi. Dal disposto legislativo, è evidente la distinzione normativa tra mercato, fiera, sagra o eventi similari. Pertanto, la Regione Marche ritiene che l’attività delle mostre-mercato, come le altre tipologie di mercati, possano svolgersi. Sono sempre fatte salve eventuali e diverse interpretazioni da parte della Presidenza del Consiglio dei Ministri, o dei Ministeri competenti, cui la Regione dovrà ovviamente attenersi.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»