‘Together we can dance’, in mille ballano per gli infermieri

Evento Aperol con una coreografia virtuale ideata da Luca Tommassini
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Unire a passo di danza più di 1.000 persone per dare vita a una grande coreografia virtuale a scopo benefico. È questo il risultato di ‘Together We Can Dance’, il progetto realizzato da Aperol insieme al ballerino, coreografo, regista e direttore artistico di fama internazionale Luca Tommassini per supportare il fondo di solidarietà #NoiConGliInfermieri messo in atto da FNOPI (Federazione nazionale ordini professioni Infermieristiche) per sostenere tutti gli infermieri, insieme alle loro famiglie, impegnati in prima persona nell’emergenza Covid-19.

Appassionati di danza, professionisti e non, attori e personaggi del mondo dello spettacolo hanno ballato per una buona causa sulle note di ‘ Coincidance’, replicando dai propri salotti, cucine, camere da letto, giardini e terrazzi la coreografia ideata da Luca Tommassini. Ma non solo.
Tra i protagonisti del video spiccano anche i veri eroi di questo particolare periodo: tanti infermieri e operatori sanitari che, con grande coraggio, stanno lavorando da mesi per far fronte all’emergenza.

“‘Together We Can Dance- dicono gli organizzatori- ci insegna che la distanza non conta, che la danza è un linguaggio universale, in grado di farci sentire vicini e di dare vita a grandi progetti di solidarietà, creando connessioni uniche tra le persone ovunque esse si trovino“. Per ogni video ricevuto Aperol ha donato 100 euro, fino al raggiungimento di 100.000 euro. Ma ulteriori donazioni possono essere fatte sul sito della campagna #NoiConGliInfermieri.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

12 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»