In rete i disegni dei bimbi ‘Andrà tutto bene”, lo psicologo: “Sbagliato riempirli di angoscia”

Dire ai bambini che andrà tutto bene e fargli fare un bel disegno? Ai bambini è meglio dare "poche informazioni semplici", dice lo psicoterapeuta esperto della crescita
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – ‘Andrà tutto bene”. Anzi, #andratuttobene. In rete da ieri sera circolano immagini di disegni con un bell’arcobaleno colorato e la scritta ‘Andrà tutto bene’, in relazione all’emergenza coronavirus in Italia. Disegni, cartelloni, striscioni. Fatti con pennarelli, matite o acquerelli. Chi sul balcone, chi in casa. E i genitori che postano su Instagram e Facebook i relativi disegni accompagnati dagli hashtag di rito #andratuttobene, #iorestoacasa e #covid19.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, lo psicologo: “Adulti non instillino paure nei bimbi”

Ma siamo davvero sicuri che andrà tutto bene? Finora le cose come sono andate? Ma soprattutto: è un bene coinvolgere un bambino su un ragionamento di prospettiva andrà bene/non andrà bene? Magari convincerlo a pensare che andrà bene, e incoraggiarlo appunto a disegnare un arcobaleno? Lo abbiamo chiesto a Federico Bianchi Di Castelbianco, psicoterapeuta dell’età evolutiva e direttore dell’Istituto di Ortofonologia (IdO), che non approva l’iniziativa. E dice: “È più sbagliato riempire di angoscia un bambino che non ha strumenti per difendersi”. Secondo l’esperto, a un bambino bisognerebbe limitarsi a dare “poche informazioni semplici“, come ad esempio “bisogna disinfettare la scuola e aspettare che l’infezione se ne vada”.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, il monito dei pediatri: “Tenete a casa i bambini, non portateli al parco”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

12 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»