Foto e video di minori in chat, 25 indagati a Catania

Hanno tutti un'età compresa tra i 14 e i 25 anni. A dare il via all'inchiesta è stata la denuncia della madre di un'adolescente che all'epoca aveva 16 anni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – Inchiesta con 25 indagati in provincia di Catania, tra cui 15 minorenni, per divulgazione di pornografia minorile e istigazione ad atti di pedofilia. Numerose le perquisizioni e i sequestri disposti dalla Procura distrettuale e dalla Procura per i minorenni del capoluogo etneo ed eseguiti dalla polizia postale nell’ambito di una operazione denominata ‘Borghetto’. Gli indagati hanno tutti un’età compresa tra i 14 e i 25 anni.
Le indagini sono state svolte dalla polizia postale di Catania sotto la direzione del Centro nazionale contrasto pedo-pornografia on-line (Cncpo) del Servizio polizia postale e delle comunicazioni: a dare il via all’inchiesta è stata la denuncia della madre di un’adolescente che all’epoca aveva 16 anni: la donna era venuta a conoscenza dell’esistenza di due gruppi Whatsapp con 450 iscritti complessivamente, uno dei quali denominato ‘Borghetto’, un luogo di ritrovo abituale di ragazzi a Catania, in cui circolavano video e foto della figlia in posizioni sessualmente esplicite. La dona ha consegnato il cellulare della figlia alla polizia che ha avviato le indagini.

La polizia ha identificato i partecipanti ai due gruppi che avevano richiesto o divulgato video e foto. Decine di minorenni, inoltre, sono stati segnalati alla Procura perché offendevano e insultavano la vittima conosciuta personalmente da parecchi di loro.
Numeroso il materiale informatico sequestrato: in gran parte smartphone che saranno analizzati dagli esperti per confermare le responsabilità degli indagati.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»