Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

In Valle d’Aosta sospeso il 2,9% degli insegnanti: non sono vaccinati

insegnante
L'assessore Caveri: "Bisogna avere bene in testa che la scuola, pur con qualche rischio, resta un servizio pubblico essenziale"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

AOSTA – Tra gli insegnanti valdostani, il 2,9% è stato sospeso per non aver adempiuto all’obbligo vaccinale; il 6,2% del personale docente è assente per quarantena o isolamento domiciliare per il Covid-19; il 6,7% è assente per altri motivi, come aspettativa o malattia non Covid. La rilevazione è stata fatta lunedì dalla sovrintendenza agli Studi della Regione in tutte le scuole valdostane. Per quanto riguarda il personale amministrativo, tecnico e ausiliario, lo 0,9% è sospeso perché non vaccinato; il 4,5% per quarantena o isolamento; il 2,9% per altri istituti. Tra gli studenti, il 5,8% è in didattica a distanza o in didattica digitale integrata. Alla giornata di martedì, 10 classi di scuola elementare sono in sorveglianza sanitaria e due classi di scuola media in autosorveglianza perché è stato segnalato un caso di positività in classe. Ancora: due sezioni di scuola materna e tre classi di scuola elementare sono state poste in quarantena e una classe di scuola media sta svolgendo la didattica digitale integrata perché sono stati segnalati due casi di positività nella classe. “Lo sforzo per mantenere le scuole aperte è corale e deriva dalla consapevolezza che passare tutti in Dad sarebbe una scelta in questa fase contraria ad una politica che in Valle d’Aosta è stata perseguita con convinzione a beneficio degli studenti” spiega l’assessore regionale all’Istruzione, Luciano Caveri.

“Conosco le difficoltà e lo sforzo dei diversi soggetti nelle scuole- prosegue Caveri- e l’incontro di oggi con i dirigenti scolastici, così come la presa d’atto dei dati già avvenuto in queste ore, serve per monitorare gli eventi. Il mondo della scuola segue le scelte sanitarie e questa pandemia ancora incombente comporta un evidente stress e preoccupazione per tutti. Ma bisogna avere bene in testa che la scuola, pur con qualche rischio, resta un servizio pubblico essenziale”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»