Colleferro dice no a ulteriori conferimenti di rifiuti nella discarica, dopo la chiusura

All'assemblea pubblica convocata dal movimento Rifiutiamoli anche il sindaco, Pierluigi Sanna
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

COLLEFERRO – “Se qualcuno pensa di far entrare ancora rifiuti nella discarica di Colleferro, anche solo Fos (Frazione organica stabilizzata, ndr), quel qualcuno non ha capito bene. Dal 15 gennaio in poi a Colle Fagiolara non entrano più rifiuti“. Con queste parole, scandite nel corso del suo intervento all’assemblea pubblica convocata dal movimento Rifiutiamoli nell’auditorium cittadino, il sindaco di Colleferro, Pierluigi Sanna, rispedisce al mittente l’ipotesi di mantenere nella discarica di Colle Fagiolara, in chiusura il prossimo 15 gennaio, la possibilità di “limitate quantità di conferimento” e chiude all’idea di accogliere Fos, come rifiuti, dalla Capitale ventilata dalla Regione Lazio nella nota stampa di chiarimento inviata ieri al ministero dell’Ambiente proprio sulla discarica di Colleferro.

LEGGI ANCHE

Rifiuti, Raggi a Falcognana: “Vittoria, nessuna discarica temporanea a Roma”

Rifiuti a Roma, la sfida a Zingaretti: “Basta discariche, ampliamo il parco dell’Appia Antica”

“C’è una mina vagante, Roma Capitale, che non avendo preso decisioni, da dopo Malagrotta, salta a destra e sinistra cercando qualcuno che gli sia di aiuto- dice aprendo l’assemblea Alberto Valleriani, attivista del movimento Rifiutiamoli e presidente della Rete per la Tutela della Valle del Sacco- Il punto principale è la chiusura della discarica. Il 15 verrà riconsegnato il sito al comune di Colleferro. Le ultime notizie apprese dal comunicato stampa di risposta della Regione alla lettera del ministero dell’Ambiente ribadiscono la chiusura della discarica al 15 gennaio come da atti precedenti e danno un’ulteriore indicazione sulla possibilità in studio di minimi conferimenti presso la discarica. La comunicazione in questo caso è fumosa, non si riesce a comprendere cosa si intenda per minimi conferimenti. A quale tipologia di rifiuti si fa riferimento? Se si tratta della Fos, che generalmente viene utilizzata per discariche e suoli da bonificare- specifica Valleriani- ci sarebbe da precisare che la stessa dovrà essere addizionata con terreno vegetale e che rientrerebbe comunque in una gestione post operativa del sito. In ogni caso ci sarà sempre da verificare la qualità di questo prodotto di scarto delle lavorazioni di tmb. Ci opporremo al conferimento di altra tipologia di rifiuti non compatibili con la fase post operativa”.

L’unica Fos che potrà entrare a Colle Fagiolara per la copertura della discarica, non per il suo riempimento, per Sanna, potrebbe essere quella “prodotta da una macchina che misceli il 60% di terreno vegetale con il 40% di Fos”. Il primo cittadino insiste sulla necessità di avviare le operazioni di post mortem, all’indomani della cerimonia di chiusura ufficiale del 16 gennaio. “Lazio Ambiente vuole scappare il più velocemente possibile per evitare il post mortem, ma saranno obbligati a farlo in base a quanto scritto nel contratto”.

Anche sugli inceneritori Sanna rassicura che “saranno demoliti” e sul compound che, in base a quanto annunciato dalla Regione, dovrebbe nascere nella cittadina in provincia di Roma, taglia corto: “Da 500mila tonnellate sono già passati a 220mila- sottolinea- Li faremo ragionare, il Consiglio Comunale non ha nessuna intenzione di approvare di dare quel terreno a Lazio Ambiente. Il terreno tra l’altro è piccolo, 19mila metri quadri, non ci sarebbero nemmeno le uscite di sicurezza”.

No al compound anche dagli attivisti di Rifiutiamoli: “Sul compound a nostro parere la Regione Lazio sta facendo un errore sul nostro territorio- conclude Valleriani- perché non ci risultano disponibilità territoriali e urbanistiche idonee all’accoglimento di tale impiantistica, ancora di più se a servizio dell’intero territorio regionale. Poi non sono ad oggi disponibili informazioni dettagliate né sul luogo né sulla tipologia di impianto, quindi nemmeno sull’impatto. Il movimento Rifiutiamoli è nettamente contrario ad un’impiantistica sovradimensionata alle necessità di fabbisogno territoriale, che possono essere dettate solo dai Comuni afferenti al consorzio Minerva neocostituito”. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

12 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»