Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Fisioterapisti verso l’Ordine: a tutela dei cittadini e dei professionisti

"La Professione intende dotarsi di uno strumento riconosciuto che le consenta di realizzare compiutamente e al meglio il proprio ruolo e di offrire il proprio contributo alla tutela della salute"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La Commissione d’albo nazionale dei Fisioterapisti ha deliberato, in sintonia con le Commissioni d’albo territoriali e in collaborazione con la Federazione Nazionale degli Ordini Tsrm-Pstrp, di inviare al ministero della Salute la richiesta di avviare l’iter per l’istituzione di un Ordine proprio, in applicazione di quanto previsto dall’articolo 4, comma 9 lettera d), della legge 11 gennaio 2018 numero 3.

“L’attuale Albo- scrive Piero Ferrante, presidente della Commissione d’albo nazionale dei Fisioterapisti- che ad oggi conta oltre 63.000 Fisioterapisti oltre agli iscritti nel relativo Elenco Speciale, avendone i requisiti ha così deciso di chiedere la creazione di un Ordine proprio, per mettere al servizio delle Istituzioni e soprattutto dei cittadini italiani un insieme concreto, ben definito e irrinunciabile di competenze, passione, visione, responsabilità. La nascita di un Ordine specifico è perseguita dai Fisioterapisti al fine di rendere la professione immediatamente distinguibile dai cittadini e dalle Istituzioni, chiaramente identificabile nelle sue specificità da parte di tutto il comparto sanitario ed assistenziale. In un momento in cui la salute di tutti è sotto l’attacco devastante della pandemia e a tutti i professionisti sanitari sono richiesti presenza nell’emergenza, impegno per il futuro, capacità di costruire risposte di sistema, la rappresentanza istituzionale della Professione del Fisioterapista sceglie quindi, consapevolmente, di compiere questo passo perché questo è il tempo di reagire, progettare, realizzare con questo passo di responsabilità”.

“Di fronte alle sfide di questo tempo- continua la nota- la Professione intende cioè dotarsi di uno strumento riconosciuto che le consenta di realizzare compiutamente e al meglio il proprio ruolo e di offrire il proprio contributo alla tutela della salute, alla prevenzione e alla riabilitazione, mettendo al centro della propria pratica i bisogni dei cittadini. Nei tempi di realizzazione dell’iter procedurale, che è attualmente affidato al ministero della Salute, resta intatto l’impegno della Commissione d’albo nazionale e delle Commissioni d’albo territoriali dei Fisioterapisti nella programmazione e realizzazione delle progettualità già avviate all’interno della Federazione degli Ordini”.

“Ugualmente inalterato rimane l’impegno, presente e futuro, a coltivare un dialogo con tutte le altre diciotto Professioni dell’Ordine Tsrm Pstrp e con la Fno per cercare di delineare i tratti comuni di risposta ai bisogni di salute dei cittadini” conclude Ferrante.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»