hamburger menu

Vandalizzano un’opera per le vittime del terremoto e postano il video su Instagram

Ma il Comune di Mirandola sporge denuncia: "incivili e vigliacchi"

Pubblicato:11-08-2022 15:43
Ultimo aggiornamento:11-08-2022 15:43
Canale: Articoli
Autore:
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

BOLOGNA – Vandalizzata a Mirandola (Modena) un’installazione dedicata alle vittime del terremoto del 2012. “Uno sfregio, perpetrato alla memoria delle vittime del sisma del 2012, e più in generale a un’intera comunità, che l’amministrazione comunale di Mirandola condanna nella maniera più ferma e decisa”, fa sapere il Comune, dopo che la vicesindaco Letizia Budri ha provveduto questa mattina a sporgere querela nei confronti degli autori degli atti vandalici all’installazione realizzata sui pannelli di delimitazione del cantiere del Teatro Nuovo, in piazza Costituente.

L’OPERA ERA STATA REALIZZATA CON L’AIUTO DI SCOUT E STUDENTI

L’installazione, realizzata in occasione del decennale del sisma grazie al contributo degli scout Agesci di Mirandola e degli studenti delle scuole Montanari, era stata “pensata e voluta in ricordo delle vittime di uno degli eventi più drammatici vissuti dalla comunità. Un atto vile e deprecabile, non tanto per il danno materiale causato, bensì per la memoria collettiva che offende”, dice l’amministrazione comunale.

ALLE FORZE DELL’ORDINE ANCHE LE “STORIES” SUI SOCIAL

Insieme alla querela è stato consegnato alle forze dell’ordine il video “stories” (contenente anche “tag” espliciti che rivelano le identità di altre persone presenti al momento del vandalismo) pubblicato e poi cancellato su Instagram. In questa ripresa, accompagnata come sottofondo musicale delle “Quattro Stagioni” di Vivaldi, c’è un ragazzo che strappa alcuni dei fiori in carta affissi ai pannelli dipinti. “Un atto dovuto- commenta Budri- perché gesti come questo non rimangano impuniti e non si ceda di un passo rispetto a condotte incivili e vigliacche, che diversamente rischiano di passare nell’indifferenza generale o, peggio, venire minimizzate”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-08-11T15:43:19+02:00