Minacce di morte via social a Mattarella

sergio mattarella
Avviate indagini, partono le perquisizioni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA –  Insulti, minacce e auguri di morte via social al presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Per questo è stata aperta un’indagine e sono in corso perquisizioni disposte dalla Procura di Roma.

A quanto si apprende, sul web sono girate nei mesi scorsi parole davvero pesanti nei confronti del capo dello Stato. Il tenore e’ del tipo: “Armiamoci e andiamo ad ammazzare quel figlio di Trxxx”; “Ti auguro di morire male”; “Non vedo l’ora che ci sia il tuo funerale, pezzo di m. ti voglio vedere morto“. Frasi che hanno fatto scattare l’indagine per il tenore davvero preoccupante. Si tratta di reati perseguibili di ufficio. A quanto si apprende, i messaggi giravano già da parecchio tempo.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»