Sileri: “Se continua la crescita del trend, altre regioni cambieranno colore”

“Servono maggiori controlli più che nuove restrizioni"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Servono maggiori controlli più che nuove restrizioni– ha affermato Sileri- ora che le giornate si allungano e sono anche più calde, la gente sta più tempo fuori e dunque più controlli che consentano di far rispettare distanze e far indossare bene le mascherine sono necessari. Laddove il virus corre di più è già previsto l’innalzamento delle restrizioni secondo il sistema dei colori. Verosimilmente se il trend continua così altre regioni cambieranno colore la prossima settimana”, ha dichiarato il sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri (M5S), ai microfoni della trasmissione ‘L’Italia s’è desta’, condotta dal direttore Gianluca Fabi, Matteo Torrioli e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus.

I VACCINI

“I vaccini stanno progressivamente arrivando, gli accordi con i sanitari che somministreranno i vaccini sono stati fatti, sono stati creati centri in grado di fare più di 3mila vaccinazioni al giorno. Altre Regioni sono rimaste indietro, ma i ritardi si vanno via via colmando. Man mano che arriveranno più vaccini non credo vi saranno problemi. Consentire le vaccinazioni agli over 65 anche con Astrazeneca e secondo me ritardare la seconda dose anche per Moderna e Pfizer consentirebbe di fare la prima dose a più persone e quindi di proteggere più persone più in fretta. Con J&J monodose avremo la possibilità di accelerare ulteriormente”.

IL SOVRACCARICO NEGLI OSPEDALI

“Questa pressione nel giro di 4 settimane si ridurrà in maniera rilevante perché ogni ondata ha una durata di circa due mesi, ma anche perché la vaccinazione va avanti. Il virus con più difficoltà attecchisce tra gli operatori sanitari, nelle rsa e in un quarto degli over 80 già vaccinati. Nelle prossime settimane aumenterà il numero dei vaccinati e dunque anche il numero dei ricoveri e dei decessi scenderà”.

“NEL CTS NON CI SONO ESPERTI IN PANDEMIE”

Nel Cts inizialmente un puro epidemiologo non c’era. Io sono sempre stato contrario ad un ampio Cts. Secondo me l’ideale sarebbe un comitato più snello composto da 3-4 persone, con dei comitati satelliti divisi per branca con cui possano essere attivati dei tavoli a seconda delle esigenze. Penso che da maggio in poi un restyling del Cts poteva essere fatto”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»