Caso Ruby, Brunetta: “L’utilizzatore finale’ è Matteo Renzi” – VIDEO

Il capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati sostiene che Renzi sia figlio di quella storia, "l'utilizzatore finale di quel grande imbroglio di quella grande speculazione che lui non ha certamente progettato ma di cui fruisce i dividendi avvelenati"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La vicenda giudiziaria di Silvio Berlusconi e la caduta del suo ultimo governo, nel 2011, sono intimamente legate. A goderne i frutti e’ Matteo Renzi, “utilizzatore finale di quel grande imbroglio”. A dirlo e’ Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, dopo la sentenza di assoluzione del cavaliere.

“Speculazione finanziaria, la crisi dello spread, il gioco che fu fatto a livello internazionale, Merkel-Sarkozy, e la speculazione politico-giudiziaria hanno gli stessi tempi, lo stesso andamento, sono due facce della stessa medaglia. Insieme hanno concorso, non solo far cadere il governo Berlusconi , ma anche a condizionare la nostra democrazia, perche’ da allora vengono i governi Monti, il governo dei tecnici, viene di fatto il governo Letta, e adesso viene anche il governo Renzi. Sono tutti figli di quella storia. E Renzi oggi e’ l’utilizzatore finale di quel grande imbroglio di quella grande speculazione che lui non ha certamente progettato ma di cui fruisce i dividendi avvelenati”.

 

di Alfonso Raimo

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»