Università. Il rapporto tra Stato e Chiesa in un convegno a Unicusano

ROMA - 'L'Italia ai tempi della sinistra
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

unicusano 6 (1024 x 777)ROMA – ‘L’Italia ai tempi della sinistra storica. Tra fede e scienza’. E’ il titolo del convegno che si terrà domani nell’aula magna dell’università Niccolò Cusano di Roma (via Don Carlo Gnocchi 3). L’evento è inserito nell’ambito della ‘Settimana della storia’ organizzata dal Vicariato di Roma-Ufficio della Pastorale universitaria in collaborazione con le università romane sul tema ‘Una cultura per un nuovo Umanesimo’.
Il 25 marzo 1876 Agostino Depretis diveniva presidente del Consiglio dei ministri del Regno d’Italia: iniziava così l’età della sinistra storica, destinata a durare sino al 1896. Il convegno vuole dunque essere un’occasione per riflettere sul complesso rapporto tra Stato e Santa Sede nel corso di questo ventennio, dominato  dalla contrapposizione tra cultura positivista e cultura cattolica. Verranno presi in esame il rapporto tra Stato e Chiesa all’epoca della sinistra storica, le scelte di politica estera e coloniale tra orientamenti cattolici e positivisti, il giudizio de ‘La civiltà cattolica’ sulla cultura positivista, il positivismo e scienza psicologica,  Rerum novarum: la dottrina della Chiesa e la questione sociale, la scienza giuridica e la cultura cattolica e il caso di Enrico Ferri. Ad introdurre i lavori il magnifico rettore dell’università Niccolò Cusano, il professor Fabio Fortuna.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»