Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

San Valentino, a Milano arriva la serenata a domicilio

BOLOGNA - Avete mai pensato di stupire il vostro innamorato con una serenata d'amore? Ora lo potete fare, ma solo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Avete mai pensato di stupire il vostro innamorato con una serenata d’amore? Ora lo potete fare, ma solo se vivete a Milano e abitate in una casa popolare in via Galvano Fiamma (Porta Vittoria). Potete prenotare un musicista che venga a casa vostra e si esibisca, sul pianerottolo o nella vostra sala, per regalare un San Valentino speciale al vostro partner. E potete anche scegliere le tre canzoni (tre è il numero massimo) che gli artisti  esibiranno per voi. Gli artisti in questione sono Camilla Barbarito (voce) e Fabio Marconi (chitarra) dell’associazione ‘musicamorfosi‘, una realtà senza fini di lucro che promuove progetti musicali a Milano.


La serenata personalizzata si svolgerà giovedì, il giorno degli innamorati, e durerà circa 10 minuti: l’iniziativa, lanciata per San Valentino e intitolata ‘Serenate metropolitane‘, fa parte della rassegna ‘La città che sale‘, un progetto nato per accendere un focus sulle periferie e in particolare sulle case popolari con iniziative di arte e musica. La rassegna è curata da musicamorfosi per la multiutility Mm (Metropolitana Milanese) che per conto del Comune di Milano gestisce le case popolari di via Fiamma.

Visita la pagina dell’evento


Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»