M5s: “Referendum contro il taglio delle poltrone? Non vediamo l’ora”

"Dovranno spiegarci perche' gli italiani dovrebbero dire di NO al risparmio di mezzo miliardo di euro a legislatura"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Referendum sul taglio delle poltrone? Non vediamo l’ora”. E’ il titolo di un post del MoVimento 5 Stelle sul Blog delle Stelle.

“Lo sapevamo. Pur di mantenere le poltrone intatte – scrive il M5S – il sistema avrebbe fatto di tutto, ed oggi ne abbiamo la riprova. I vecchi partiti serrano i ranghi e si ritrovano in Cassazione per depositare le firme dei parlamentari necessarie per la richiesta di Referendum. Sono 71 le firme raccolte: ben 7 in piu’ del numero minimo richiesta di 64. Auguri! Tra loro ci sono tanti berlusconiani, come Schifani, Cangini, Caliendo. Ma anche alcuni senatori del PD e renziani e, dulcis in fundo, addirittura sei leghisti. Avete capito bene: il partito di Salvini, dopo aver votato favorevolmente per ben quattro volte in Parlamento al taglio delle poltrone, fa retromarcia. Alla faccia della coerenza. Non riescono proprio a resistere alla voglia di tenersi strette le poltrone”.

“Per il MoVimento 5 Stelle ogni Referendum – si legge -, ogni occasione in cui il popolo puo’ far sentire la propria voce, e’ sacro. Dovranno spiegarci pero’ perche’ dovremmo mantenere 345 parlamentari – con i loro stipendi che oscillano tra i 12 e i 15 mila euro al mese – in piu’ rispetto a quanti ne avremmo con il TagliaPoltrone”.

“Dovranno spiegarci – prosegue – perche’ dovremmo mantenere il Parlamento con il piu’ alto numero di eletti in Europa. Dovranno spiegarci perche’ gli italiani dovrebbero dire di NO al risparmio di mezzo miliardo di euro a legislatura: parliamo di 100 milioni di euro all’anno, 300 mila euro al giorno! Soldi che potrebbero essere investiti in strade, ospedali, scuole, sicurezza”.

“l MoVimento 5 Stelle – si legge ancora – e’ sempre stato per far esprimere direttamente i cittadini e per proporre Referendumpopolari. E adesso i cittadini avranno il potere di mandare a casa poltrone, privilegi, doppi stipendi e politici e dimezzare la casta”.

“Noi non vediamo l’ora di iniziare questa campagna referendaria per confermare il taglio dei parlamentari. Gli italiani sapranno scegliere nel migliore dei modi”, conclude il post.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

11 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»