VIDEO | Roma, urtisti via da Fontana di Trevi: “Denunciamo la sindaca”

Alta tensione tra gli ambulanti e la giunta comunale dopo la riunione di ieri a cui è seguita l'aggressione al consigliere M5s Coia
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Oggi qui per denunciare l’abuso che si verifica tutti i giorni. Come potete vedere, decine di macchine della Polizia municipale, decine di vigili qui per non far montare il banco a operatori storici di oltre cento anni che sono gli urtisti, che sono in teoria gli unici che potrebbero lavorare. Se ci sono altre postazioni aperte, noi non vogliamo la guerra con loro, ma e’ indicibile quello che succede. Ma al di la’ delle postazioni autorizzare, noi oggi vogliamo denunciare una cosa importante: tutti i giorni ci sono gli abusivi che coprono il cono visivo del monumento e danno fastidio ai turisti e queste forze spiegaten non ci sono. Quindi, cara sindaca Raggi se sei uncapace ti devi dimettere”. Cosi’ Angelo Pavoncello, vicepresidente Ana, Associazione nazionale ambulanti, e presidente del movimento Italia produttiva, in un video girato a Fontana di Trevi, dove da oggi gli urtisti sono stati delicalizzati dall’amministrazione capitolina.

LEGGI ANCHE: Roma, Raggi: “Il consigliere Coia aggredito dagli ambulanti dopo una riunione in Campidoglio”

“Finche’ qui ci sara’ un solo abusivo- dice Pavoncello rivolgendosi alla sindaca- tu allora stai legalizzando gli abusivi, quindi sarai denunciata perche’ stai legalizzando il commercio abusivo, l’evasione fiscale e tutto quello che comporta l’abusivismo. Verifichereno con i nostri legali per denunciarti alla Giardia di finanza per favoreggiamento all’evasione fiscale visto che gli abusivi non li reprimi e invece chi e’ autorizzato lo cacci via e non puo’ piu’ pagare le tasse”. Con Pavoncello a Fontana di Trevi anche un gruppo di urtisti che discutono con la Municipale. Tutti con le mani alzate, qualcuno di loro grida “lavoro, lavoro”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

11 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»