Roma, Raggi: “Il consigliere Coia aggredito dagli ambulanti dopo una riunione in Campidoglio”

"Questo vile episodio di violenza non ci spaventa: noi andiamo avanti per la nostra strada"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Il presidente della Commissione capitolina del Commercio Andrea Coia e’ stato aggredito da alcuni ambulanti, dopo una riunione in Campidoglio. L’hanno aspettato in piazza, circondato, spintonato e colpito alla testa. Si tratta di una minoranza che non rappresenta la categoria di lavoratori e che va isolata. Stiamo cercando di portare decoro e legalita’ in citta’ spostando alcune bancarelle posizionate davanti ai monumenti storici. Questo vile episodio di violenza non ci spaventa: noi andiamo avanti per la nostra strada”. Cosi’ la sindaca di roma Virginia Raggi su Facebook.

“Le bancarelle fuori legge verranno spostate dalle piazze storiche di Roma- prosegue Raggi- l’abbiamo detto e lo facciamo. Ringraziamo le forze dell’ordine e la Polizia capitolina che hanno soccorso Andrea immediatamente”.

COMUNE RIFIUTA PROPOSTE URTISTI, ANA: PRONTI A GUERRA

“Hanno bocciato tutte le proposte, che rispettavano tutti i coni visivi dei monumenti, coprendosi dietro al tavolo del decoro. Gli operatori pero’ non ci stanno, si stanno scaldando, perche’ vedono che vengono cacciati dalle loro postazioni storiche, mentre migliaia di abusivi ogni giorno ostruiscono indisturbati i coni visivi dei monumenti e importunano i turisti. Loro agiscono indisturbati, mentre i regolari vengono cacciati. Se il Comune di Roma vuole la guerra, siamo pronti alla guerra, siamo pronti a diventare abusivi, ad andare dalla Magistratura, a chiedere alla Guardia di Finanza di sequestrare tutti gli atti. Tutto cio’ che possiamo fare per chiedere giustizia, a questo punto lo faremo. Senza sconti”. A dirlo e’ Angelo Pavoncello, vicepresidente Ana, Associazione nazionale ambulanti, intervistato dall’agenzia Dire subito dopo l’incontro avuto in Campidoglio con l’assessore capitolino allo Sviluppo economico, Carlo Cafarotti, e con il presidente della commissione Commercio, Andrea Coia, in cui la categoria degli urtisti ha portato all’amministrazione le sue proposte alternative alle delocalizzazioni decise dal Campidoglio.

Una richiesta, quella di avanzare proposte, arrivata martedi’ scorso direttamente dalla sindaca di Roma, Virginia Raggi, che aveva dato tempo agli ambulanti fino a oggi. L’incontro, pero’, ha visto l’amministrazione bocciare tutte le alternative presentate dalla categoria.

Per quanto riguarda le postazioni a Fontana di Trevi, “come alternativa avevamo proposto via delle Muratte, ma ci hanno risposto che quell’area e’ solo per i librai. Al Pantheon- dice Pavoncello- invece che davanti all’ingresso abbiamo chiesto di spostarci sul lato destro, fuori dal cono visivo, ma anche in questo caso ci e’ stato detto di no. Su questo e su tutto il resto. A questo punto- conclude Pavoncello- se non fanno un’apertura per far lavorare i padri di famiglia noi saremo durissimi e questa volta non faremo sconti. Chiedo peraltro l’immediato intervento del prefetto di Roma in qualita’ di organo di governo, a tutela di tutti. Siamo pronti a chiedere un’ordinanza prefettizia”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

10 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»