‘Vivere a colori’, nuovo album per Alessandra Amoroso

La cantante presenterà il nuovo album ai fan il 14 gennaio a Milano. La pubblicazione del disco è prevista per il 15 gennaio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
alessandra_amorosoROMA – A due anni dall’ultimo album “Amore puro”, Alessandra Amoroso torna con il disco “Vivere a colori”. La nuova fatica della cantante salentina, composta da 14 brani, uscirà venerdì 15 gennaio, ma sarà la stessa Amoroso a presentarla ai fan di Milano il 14 gennaio in Piazza Città di Lombardia 1 alle 15.30.
“Vivere a colori” si prepara già a conquistare le classifiche musicali: il segnale arriva dai primi tre singoli usciti che anticipano l’album ( “La Vita in un Anno”, “Il mio stato di felicità” e “Stupendo fino a qui”), tutti sul podio di iTunes.

Al disco di Alessandra Amoroso seguirà un tour le cui date però, rimangono rigorosamente top secret. Se ne conoscono solo due, quelle anticipate su Facebook dalla cantante: il 27 maggio al Palalottomatica di Roma e il 30 maggio al Mediolanum Forum di Milano. Le prevendite sono già aperte.

Di seguito la tracklist dell’album:

Stupendo fino a qui;
Vivere a colori;
La vita in un anno;
Avrò cura di te;
Mi porti via da me;
Sul ciglio senza far rumore;
L’unica cosa da fare;
Comunque andare;
Appartenente;
Se il mondo ha il nostro volto;
Nel tuo disordine;
Fidati ancora di me;
Non sarai mai;
Il mio stato di felicità

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»