Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

In Campania troppi obesi, ora la dieta mediterranea si insegna a scuola. Firmato protocollo

NAPOLI  - Un protocollo di intesa tra il Consiglio Regionale della Campania e l'Ufficio Scolastico Regionale per la
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI  – Un protocollo di intesa tra il Consiglio Regionale della Campania e l’Ufficio Scolastico Regionale per la diffusione della Dieta Mediterranea nelle scuole campane, risorse ai Comuni che, nelle mense degli istituti scolastici, promuovono la Dieta Mediterranea, l’impegno a dare nuovo impulso all’agricoltura e, infine, un cambiamento di passo culturale, a partire dai livelli amministrativi e istituzionali.

orto ciboQueste le proposte emerse e rilanciate dalla presidente del Consiglio regionale Rosa D’Amelio nel corso dell’Infoday sulla Dieta Mediterranea, tenutosi questa mattina presso la sede del Consiglio cui hanno preso parte il professore Gino Frezza dell’Università di Salerno; Anna Rosselli, responsabile del progetto regionale “Cresci sano in Campania”; Erasmo Mortaruolo (Pd) vicepresidente della commissione Agricoltura; Gennerina Panico dell’USR Campania, il direttore per le Politiche agricole e alimentari dell’assessorato regionale per le Politiche agricole, Filippo Diasco; Marino Niola, direttore del Centro di Ricerche sociali sulla dieta Mediterranea e il sindaco di Pollica Stefano Pisani.

bimbi obesi“Avevamo il dovere di fare un bilancio sulla Legge 6/2012 di riconoscimento della Dieta Mediterranea e monitorare la sua applicazione – ha spiegato la D’Amelio. – La legge va sicuramente rivista così come va rilanciato l’Osservatorio regionale che ha sede proprio a Pollica”. Per la D’Amelio è drammatico il dato per cui la Campania è prima regione di Europa per obesità, oltre a essere un paradosso perché “la Campania è la patria della Dieta Mediterranea”.

“Per questo motivo, abbiamo di fronte una sfida interessante volta a far prendere coscienza, a partire dai livelli istituzionali e dagli amministratori, che la Dieta Mediterranea può essere volano di sviluppo per i nostri territori. Turismo, cultura, agricoltura e ambiente sono – conclude il presidente del Consiglio regionale – le risorse economiche della Campania e la Dieta Mediterranea è trasversale a esse”. Una sfida che interessa le famiglie, in particolare le donne che svolgono un ruolo fondamentale nella trasmissione di una corretta cultura alimentare, e le scuole.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»