Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Francia, Insee: “Un milione di poveri in più in 10 anni”

Il dato emerge dall'ultimo rapporto realizzato dall'Istituto di statistica nazionale (Insee) che prende in esame il decennio 2004-2014
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

povertà01

ROMA – Oltre un milione di cittadini francesi sono scesi al di sotto della soglia di povertà negli ultimi dieci anni. Lo ha reso noto l’ultimo rapporto realizzato dall‘Istituto di statistica nazionale (Insee), e che prende in esame il decennio 2004-2014. Il quotidiano ‘Le Monde’ sconsiglia però di leggere questo dato precipitosamente: bisogna tenere presente che nello stesso arco di tempo anche la popolazione e’ aumentata, e quindi è probabile che anche il numero di persone con un guadagno che oscilla tra gli 840 (il 50% del reddito medio) e i 1008 euro (il 60% del reddito medio) sia aumentato.

In Francia oggi coloro che si attestano intorno a queste cifre sono tra i 5 e gli 8,8 milioni – a seconda della soglia che si vuole prendere in considerazione. Nel primo caso quindi i ‘poveri’ in Francia sono l’8,1% ella popolazione, nel secondo caso il 14%. Dal 2004 al 2014 – la conclusione dell’Insee – le persone che hanno percepito salari di questo livello sono aumentate rispettivamente di 950mila e un milione e duecentomila unità, sempre a seconda della soglia che si vuole considerare. Lo Smic – il Salario minimo fissato per legge – peraltro è di 1.150 euro.

di Alessandra Fabbretti, giornalista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»