Terrorismo, Minniti: “A Pasqua come a Natale non limiteremo libertà”

Il ministro dell'Interno alla festa della Polizia ha parlato di terrorismo: "Mai come oggi è cieca e irrazionale questa forza contro l'umanità"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Affronteremo la Santa Pasqua allo stesso modo con cui abbiamo affrontato il Natale, consentendo a tutti di partecipare alle feste senza limitare nemmeno per un attimo la loro libertà e gioia”. Lo ha detto il ministro dell’Interno, Marco Minniti, in occasione della cerimonia per il 165esimo anniversario della fondazione della Polizia di Stato, in corso al Pincio.

“TERRORISMO OGGI È MINACCIA NUOVA, A PREVEDIBILITÀ ZERO”

“Oggi è un appuntamento molto importante che celebriamo con la convinzione di essere una forza determinante che con fierezza ha accompagnato la storia di questo Paese. Con la convinzione e la consapevolezza che viviamo tempi difficili, qualcuno potrebbe dire troppo difficili. Ci sono stati altri momenti complicati ma mai come oggi è cieca e irrazionale questa forza contro l’umanità, è stata una settimana terribile: da Stoccolma a San Pietroburgo e l’Egitto. Si colpisce la quotidianità, a ogni attentato c’è un passo avanti sempre più evidente verso la riduzione dell’organizzazione dell’atto terroristico”, ha detto Minniti partecipando alla festa della Polizia.

“Quando si arriva a rubare un camion poco prima della consegna e poi lo si scaglia contro un centro commerciale allora è sotto gli occhi di tutti che siamo davanti a una nuova minaccia, il terrorismo a prevedibilità zero, una minaccia che non avevamo mai affrontato– ha proseguito Minniti-. Voi uomini e donne della Polizia di Stato dovete confrontarvi con un’impresa mai compiuta prima, quella di prevedere l’imprevedibile. So bene che sembra impossibile, ma oggi è possibile aggiornare – con più intelligence per una di capacità prevenire e immaginare prima le cose – avere più prevenzione con lo strumento straordinario dell’espulsione preventiva per la sicurezza nazionale, da inizio anno ce ne sono state 32, e anche migliorare. Ma l’unico modo di prevedere l’imprevedibile è controllare ogni giorno il territorio, un approccio che renda comunque sempre fruibile il territorio stesso per ragioni imprescindibili di libertà ma soprattutto perché siamo un Paese estroverso e aperto, un Paese che guarda e che tutti vogliono guardare. Non saremo mai una ‘fortezza Bastiani’ che aspetta il nemico chiusa in se stessa”.

di Mirko Gabriele Narducci, giornalista professionista

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»