Vaccino, l’indiano Covaxin promosso dalla rivista ‘The Lancet’

L'analisi dei dati ha rivelato che il Covaxin funziona, innescando la produzione di anticorpi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Uno studio pubblicato sulla rivista scientifica inglese Lancet promuove il Covaxin, il vaccino anti-Covid prodotto dall’azienda Bharat Biotech e finanziato con fondi pubblici indiani. In India, tra i Paesi piu’ colpiti dalla pandemia, il governo ne ha autorizzato l’impiego a gennaio, quando la terza e ultima fase dei test clinici non si erano ancora conclusi, attirandosi critiche da alcuni esponenti della comunita’ scientifica.

Lo studio, pubblicato ieri, ha coinvolto 380 persone tra i 12 e 65 anni provenienti da varie regioni dell’India ed e’ stato condotto attraverso nove ospedali del Paese. Durante i test, svolti “a doppio cieco”, il siero e’ stato somministrato due volte a distanza di 28 giorni tra la prima e la seconda iniezione. L‘analisi dei dati ha rivelato che il Covaxin funziona, innescando la produzione di anticorpi, mentre tra gli effetti avversi piu’ significativi si e’ registrata la febbre, reazione che ha interessato il 2% delle persone coinvolte nel trial. La settimana scorsa l’azienda farmaceutica aveva invece diffuso i risultati della terza fase dei test, che hanno rivelato un’efficacia del siero all’81%.

Stando alla stampa locale, il co-fondatore e direttore esecutivo dell’azienda farmaceutica, Suchitra Ella, ha dichiarato: “Quella che era partita come un’iniziativa guidata dalle istituzioni 40 o 50 anni fa per produrre i vaccini di base, con un significativo coinvolgimento degli istituti di ricerca indiani, ora e’ cresciuta fino a diventare una grande industria”.

L’India, ha evidenziato Ella, “contribuisce con il 60-65% alle forniture globali di vaccini” e l’azienda Bharat Biotech “rappresenta circa il 70% della capacita’ di produzione di vaccini dell’India”. Secondo il direttore, “per quanto riguarda la produzione di vaccini anti-Covid-19 l’India puo’ contare su sei grandi aziende locali e pertanto il nostro Paese giochera’ un ruolo significativo” nella lotta alla pandemia.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»